Categoria: Politica Naz.

Incontro con Enrico Costa

In vista delle prossime elezioni del 25 settembre, abbiamo avuto il piacere di incontrare Enrico Costa, capolista al collegio plurinominale Lombardia 1 di Azione – IV – Renew Europe

 

Durante l’incontro con gli amici liberali, introdotto da Carlo Scognamiglio e Edoardo Croci, l’On. Costa in particolare ha affrontato il tema della riforma della giustizia.

Clicca QUI per guardare il video dell’incontro

Share

ANTONIO, IL LIBERALE CHE CI INDUCEVA A RIFLETTERE COL SORRISO. PERA RICORDA MARTINO

L’ex senatore di Forza Italia: “Antonio non la mandava a dire neppure a Berlusconi anzi proprio a lui lo diceva con franchezza. Nessun senso di inferiorità o timidezza. Rideva sarcastico della cortigianeria poi nata attorno al Capo”

Era probabilmente una delle ultime e autentiche voci liberali italiane. Di quelli che avevano contribuito coi fatti, con le idee e con l’impegno in prima persona a dar vita alla rivoluzione di pensiero nel nostro Paese

Share

LA GUERRA DEL POLITICAMENTE CORRETTO CONTRO DOSTOEVSKIJ, LA VODKA E LO ZAR

Il politicamente corretto miete vittime nei campi liberi dell’arte, della cultura, dello sport. Le prime perdite sono Paolo Nori e Fëdor Dostoevskij. Il talento vale meno della vita? Il docente del dipartimento di studi umanistici dello Iulm, autore del libro Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostoevskij, avrebbe dovuto tenere alla Bicocca di Milano un corso sull’autore russo in quattro lezioni, “gratuite a tutti”. Qualche giorno prima, con un groppo alla gola, ha annunciato su Instagram che il corso era stato cancellato, “per evitare ogni polemica”. Così gli hanno scritto dal prorettorato. “Come? – ha subito reagito lui –. Bisognerebbe parlare di più oggi di Dostoevskij!”. Gesto “volgare e indegno del sapere”, ha chiosato. Controffensiva.

Share

MISURARE GLI APPLAUSI

Alcuni giorni fa non ho potuto resistere e, in qualità di lettore abituale del Corriere della Sera, ho inviato una lettera al mio Quotidiano di riferimento. Assai breve, come si conviene in questi casi. Il destinatario, l’ottimo giornalista Aldo Cazzullo,…

Share

VACCINI, NON È UN PROBLEMA DI BREVETTI, MA DI PRODUZIONE

Se la pandemia fosse una guerra, l’Italia la starebbe decisamente perdendo. Mentre la Gran Bretagna e gli Stati Uniti si avviano verso l’immunità di gregge, nel nostro paese iniziano a montare le rivolte sociali come dimostrato dalle manifestazioni organizzate da #ioapro. Per poter finalmente assicurare le riaperture ed evitare l’escalation di tensione sociale, è imperativo accelerare la campagna vaccinale dando priorità alle categorie più a rischio (cosa finora non fatta perché in Italia la fascia d’età tra i 70 e 79 anni è la meno vaccinata e la penultima in Europa).

Share

Brigatisti rossi estradati dopo 40 anni di attesa

Sette brigatisti rossi, già condannati a gravi pene carcerarie in Italia, sono stati arrestati ieri in Francia. Altri tre sono tuttora latitanti. Saranno estradati nel nostro Paese. La vera notizia è perché non siano stati mai estradati finora. Per più di quarant’anni, infatti, hanno potuto vivere in Francia, nella maggior parte dei casi in libertà.

Share

La sinistra da libertaria a bigotta

 
La sinistra si è fatta autoritaria, triste, risentita: vive di delazioni, risentimenti, questure e tribunali, marche da bollo e museruole d’ordinanza
Le vicende di questi giorni, che vedono i progressisti schierati a difesa delle misure più repressive (a partire dal carcere domiciliare imposto agli italiani dalle ore 22 alle 5), confermano quanto è chiaro da tempo a chi ha occhi per vedere: e cioè che non rimane più nulla di quella sinistra libertaria e contestatrice che aveva confusamente animato il dibattito politico degli anni Sessanta.

Share