Tag: islamico

Lettera dall’Iraq (3)

isis02

Gentile giorgio, Il viaggio in Iraq della scorsa settimana sembra lontano. Eppure è già il momento, per tutto noi, di fare qualcosa di concreto per tutte le persone che abbiamo incontrato laggiù, persone perseguitate per la loro fede cristiana.
Il Parlamento Europeo, qualche settimana fa, ha deliberato ufficialmente la denominazione di “genocidio” riguardo alle violenze subite dalle minoranze religiose dal cosiddetto “Stato Islamico”. Si tratta di una tragedia che vede migliaia di morti e centinaia di migliaia di rifugiati, oltre che di atrocità quotidiane e disprezzo per i più elementari diritti umani.

Armiamoci e, forse, partiremo

isis-italia-guerra-libia-ultime-notizie-default

Sembra questa la tacita parola d’ordine dei vari Governi occidentali in relazione alla gravissima situazione del Nord Africa.
Tutti paiono ormai sempre più convinti della necessità di un intervento armato ma pochi hanno deciso di farlo in maniera massiccia e coordinando le forze.
Sembrano cioè attendere che gli altri facciano il primo passo. Per ora ci si limita ad inviare dei commando.

Bat Ye’ Or: “Verso il Califfato Universale”

91NnhHpKfIL (1)

Bat Ye’ Or (in ebraico significa “figlia del Nilo”) è lo pseudonimo di Gisèle Litman, nata al Cairo nel 1933 da una famiglia israelitica, esule in Gran Bretagna, ha poi acquisito la cittadinanza inglese e vive a Londra.

E’ un’esperta delle comunità etnico-religiose nei paesi islamici e di Islam.. Ha, tra l’altro, scritto un saggio, pubblicato prima negli Stati Uniti poi in Francia quindi in Italia(sempre da Lindau), che ha riscosso notevole interesse: “Eurabia. Come l’Europa è diventata anticristiana,antioccidentale,antisemita” (è stato recensito su questo giornale l’8 dicembre 2006 da Roberto De Mattei), in cui, traendo lo spunto dalle furibonde reazioni in tutti i paesi mussulmani alle caricature pubblicate a fine settembre 2005 sul giornale danese “Jyllen Posten”, denunzia la notevolissima pressione, esercitata in varie forme, con la quale il “jhad”culturale cerca d’imporre all’Europa la visione islamica della storia,della civiltà,della politica.

“VENIAM NECESSITATI DARI” (=E’ indispensabile piegarsi alla necessita’ – v. Cicerone, “De officiis”, 2, 16, 56).

Egyptian protesters hold banners that read in Arabic "we call for the release of Muslim females who are detained in the churches before they kill them" and chant slogans calling for end the church violence on the christians who converted to Islam during a demonstration held by the Salafis in Cairo, Egypt, Friday, April 29, 2011. (AP Photo/Khalil Hamra)

Pare evidente che contrastare efficacemente l’integralismo islamico in Medio Oriente ed in Africa Settentrionale sia un’impresa drammaticamente ardua anche perché le forze estremiste possono contare su terroristi anche in Europa.
Gli Stati Uniti, guidati da un presidente a fine mandato non sembrano determinati ad un intervento efficace anche in considerazione del fatto che il teatro operativo è lontano geograficamente e, apparentemente, anche dai loro interessi.
I Governi europei sono, purtroppo, divisi circa la strategia da adottare e fino ad ora non hanno intrapreso nessuna azione concreta tranne, e con molti tentennamenti, lo schierare navi nel Mediterraneo per cercare di salvare i profughi.