Tag: fli

Il masochismo di FLI: la rotta è giusta, ma i marinai litigano. Gli errori dell’Assemblea

Masochismo allo stato puro, quello di Futuro e Libertà. Fare un’assemblea costituente, sapere che i media avrebbero coperto poco e male l’evento (anche per la coincidenza della manifestazione per le donne), ma concedersi una contesa fratricida e semipubblica sulle poltrone. Con il risultato che i tre quarti buoni dell’informazione relativa all’assemblea è stata dedicata a questo, non ai contenuti degli interventi e alle conclusioni di Gianfranco Fini. Il presidente del nuovo partito ha indicato la rotta che in molti auspicavamo: FLI è e sarà un movimento di centrodestra, liberale, moderato e repubblicano. Un progetto politico coerente con le ragioni fondative di quel “Popolo della Libertà” che doveva essere e non è stato, quel partito che Fini contribuì a fondare e far vincere, ma che – ai primi esercizi di pluralismo – ha mostrato l’insofferenza di Silvio Berlusconi per qualsivoglia forma di “eterodossia” culturale. Per tacere d’altro.

Una radicale a Perugia. Ad ascoltare.

fini

Ho preso parte alla convention di FLI a Bastia Umbra, in provincia di Perugia. Per esplorare, per ascoltare.
Non bisogna essere dei politologi per capire che il movimento all’interno del centrodestra è il segnale di una crisi sistemica destinata a sparigliare le carte per tutti. Io, da radicale e liberale, ho voluto “mettermi in ascolto”, seduta tra gli altri diecimila partecipanti (tutti a proprie spese!) a questa tappa del percorso fondativo del nuovo partito targato Fini.