Tag: cartalibera.i

Rouge

Vergato in Varese nel giorno dell’anno del Signore 2018 dedicato a Sant’Eucherio di Lione.

Arriva l’incredibile notizia della condanna all’ergastolo dì Khieu Samphan e di Nuon Chea.
A Phnom Penh, Cambogia.
Impossibile, pensi.
“Sono ancora vivi?”, ti chiedi.
Ottantasettenne l’allora Capo di Stato della Kampuchea Democratica.
Novantaduenne l’ideologo che insieme a Pol Pot – come recita la sentenza – “deteneva il potere della decisione finale”.
Entrambi – per non parlare di Saloth Sar, il ‘fratello numero uno’ – ‘roussoiani’ convinti, capaci di applicare in Cambogia (come in precedenza solo nel Paraguay del ‘Dottor Francia’) i dettati di Jean Jacques Rousseau come vergati nel ‘Progetto per la Costituzione della Corsica’.
Echi lontani e pur sempre presenti.
E d’altra parte non è forse vero che la lingua di Rousseau è quella che accomunava i rivoluzionari indocinesi dovunque operassero?
E non furono chiamati forse ‘rouge’ gli khmer traducendo l’originale ‘krohom’?
Rouge? mais oui!

Share