Tag: 2015

PENSIERINI DI FINE ANNO

pensiero

“Logorrea” dal greco “logos” (parola, discorso) e da “rea” (scorrere) s’intende la verbosità irrefrenabile talvolta patologica.
“Megalomania” dal greco “megalos” (grande) e “mania” (pazzia) significa la tendenza a presumere esageratamente delle proprie possibilità economiche o intellettuali che si traduce in atteggiamenti e comportamenti di burbanzosa prosopopea. Sono difetti non infrequenti tra gli uomini di potere.

SE IN ITALIA MANCA LA POLITICA DELLA CONCRETEZZA

gpg02-Copy-450-Copy-Copy-Copy-Copy-e1427567100776

Dopo la tornata elettorale delle regionali sono in molti a credere che la parabola di Matteo Renzi stia andando molto velocemente incontro alla fine. E’ tempo di bilanci e il Partito Democratico non può che constatare di aver perso il 40% dei consensi rispetto alle europee lasciando sul terreno il 25% dei voti. Ad andare alle urne sono state 7 regioni e il primo dato da sottolineare è, come ormai troppo spesso accade, quello dell’astensionismo. Hanno votato in pochi: solo il 54% degli aventi diritto. Un elettore su due ha deciso di rimanere a casa.

QUALCHE CONSIDERAZIONE FORSE BANALE APPROSSIMANDOSI IL 2015

image

Pensando all’imminente inizio del nuovo anno mi sono sforzato d’individuare qualche pensiero gradevole ma, forse a causa della mia indole proclive al pessimismo, non sono riuscito nell’impresa.
Mi consola l’idea di essere in questo probabilmente in buona compagnia.
I lettori che, dopo questa premessa, continueranno nella lettura non me ne vorranno perché li ho avvertiti in tempo.
Iniziando l’elenco dei “pensierini ” di fine anno dirò che l’Italia sta attraversando, a mio giudizio, uno dei momenti più difficili della sua storia a causa della crisi economica con il conseguente elevato tasso di disoccupazione specie giovanile, della non riduzione del debito pubblico, degli scandali e della litigiosità tra le forze politiche. Quel che, però, desta, a parere dello scrivente, maggior preoccupazione é il clima di rassegnazione che sembra diffuso. La gente cioè sembra incapace di credere che le cose possano, nel breve periodo, migliorare.