Categoria: Politica Internaz.

Giorgio Bocca: un cattivo maestro

L’articolo di Giorgio Bocca apparso sull’ultimo numero del settimanale L’Espresso ha dell’incredibile, delirante, qualcuno ha detto demenziale. In netto contrasto polemico con la relazione dell’On.Fassino fatta all’ultimo congresso dei DS, scrive: “Dire che i veri resistenti iracheni sono quelli che…

Share

La Turchia nell’Unione Europea

Leggendo i dati del nostro ultimo sondaggio, la maggioranza dei lettori di Cartalibera (46%) preferirebbe lasciare definitivamente la Turchia fuori dalla Comunità Europea, mentre una percentuale più esigua (34%) sarebbe favorevole, ma “a rigide condizioni”. Il fronte del no prevale…

Share

La pace a ostacoli

La scomparsa di Arafat da un lato, la decisione di Sharon di ritirarsi unilateralmente da Gaza dall’altro, hanno acceso le speranze che il 2005 possa diventare l’anno della pace in Medio Oriente. Tutti i governanti del mondo hanno promesso di…

Share

Presidente, chieda scusa!

Ammettiamolo, Ciampi non è stato finora un cattivo presidente. Certo non è stato amico della Casa della libertà, ma rispetto a uno Scalfaro appare come un gigante per correttezza e stile. Ma di fronte alle foibe l’ha combinata grossa. Ha…

Share

La Turchia in Europa?

Sul nostro sito, come avete visto, è iniziato un sondaggio riguardante  l’entrata della Turchia nell’Unione Europea. Detto argomento è estremamente attuale ed importante e sta dividendo l’opinione pubblica. Da una recente indagine demoscopica infatti è risultato che solo circa un…

Share

Lo stato dell’Unione

Il trionfalismo con cui, nel giugno scorso, fu accolta l’approvazione della nuova Costituzione europea da parte dei capi di Stato e di governo è stato, probabilmente, prematuro: ben undici dei 25 Paesi membri dell’Unione (Belgio, Gran Bretagna, Repubblica ceca, Danimarca,…

Share

La presa di Falluja è necessaria

“Sarà la più grande operazione militare dei marines dopo la battaglia di Hue in Vietnam del 1968”: è bastata questa presentazione dell’attacco a Falluja da parte di un generale  per alimentare le apprensioni di una parte della comunità internazionale. Il…

Share