Categoria: Cultura

Nel mentre il tempo si va facendo breve

nel corso del quattordicesimo anno della mia quinta ‘indizione’

la prima uscita on line del mio ‘dizionario enciclopedico’ intitolato ‘nel mentre il tempo si va facendo breve’ sarà pubblicata e disponibile lunedì 6 novembre.

ovviamente 2017.

i testi ricompresi – ben oltre millecinquanta – sono aggiornati al 29 ottobre.

ogni fine mese, successivamente, l’opera verrà riproposta, rivista laddove necessario e con l’aggiunta di nuove voci.

accade che tutto questo avvenga nel quattordicesimo anno della mia quinta ‘indizione’.

(naturalmente, considero il 17 aprile – giorno della mia nascita – momento iniziale delle ‘indizioni’ che vado vivendo.

Share

La storia di Caporetto vista con gli occhi di oggi

Caporetto, di cui ricorre in questi giorni l’anniversario, non fu solo una sconfitta. Diede inizio a tutta una serie di interpretazioni socologiche
L’Italia, purtroppo per noi, è nota agli storici militari soprattutto per le sue grandi sconfitte. E così, fra Canne, Adua ed El Alamein, troviamo anche Caporetto, di cui oggi si celebra il centenario. “Una Caporetto” è entrato nel lessico popolare come sinonimo di “disastro”. Il 24 ottobre 1917 la XIV Armata austro-tedesca di Otto von Below, sfondò le linee italiane in un ampio tratto di fronte compreso fra Plezzo e Tolmino, un territorio alpino attualmente in Slovenia. Epicentro dell’azione fu il villaggio di Caporetto (oggi Kobarid), dove avvenne lo sfondamento principale nel centro dello schieramento italiano.

Share

LIBERALI OGGI. PERCHE’?

Intervento di Michele D’Elia al convegno “Ridurre le tasse per rilanciare la crescita” organizzato da Cartalibera il 14/10/2017

Preambolo

  “ La concezione liberale deriva da profonde esigenze morali e politiche insite nella coscienza di ogni uomo politico.

Essa fu attuata in Italia da movimenti che, connessi con le più progredite correnti del pensiero europeo, furono i massimi fattori del Risorgimento e dell’Unificazione Nazionale, della prosperità dei primi anni del secolo scorso, della vittoria del 1918. Dopo che vent’anni di assolutismo  hanno dimostrato a quali risultati conduca l’avvilimento della personalità umana e dei diritti individuali, il Partito Liberale Italiano, rinnovato nello spirito e negli uomini, torna ad affermare i suoi principii e le sue tendenze programmatiche che gli consentono di definirsi il Partito della Libertà e del Progresso Sociale …”

Questo scrivevano i liberali torinesi nell’aprile del 1944, sul loro giornale clandestino, Risorgimento Liberale.

Oggi, 2016, abbiamo ancora bisogno di un Risorgimento Liberale, della Rivoluzione di pensiero che gli è propria.

Share

Sergio Ricossa e la riscossa del pensiero (davvero) libero

Scienziato sociale nella tradizione di Hume e Smith, ha incarnato il meglio dell’antistatalismo italiano. A colpi di numeri e humour
È morto mercoledì notte, a 88 anni, l’economista Sergio Ricossa, prestigioso collaboratore del Giornale. Laureatosi nel ’49 in Economia nella sua Torino, oltre a numerosi lavori scientifici come il Dizionario di Economia dell’82, tra i suoi libri spicca La fine dell’economia (’86).

Share

Piccolo elenco di frasi utili

AMANTE – Se la vostra amante si mostra talvolta sgradevole con voi, consolatevi pensando che al marito va certamente peggio.

AMICI – Amare i nostri nemici, d’accordo. Ma come si possono amare certi nostri amici?

ASCOLTO – Bisogna stare sempre all’ascolto del proprio tempo. Ma origliare non è cattiva educazione? Vedi “spirito del tempo”.

BERLINO – Città immaginaria in cui si dice che esista ed operi un giudice giusto. Ma se ne dicono tante…

Share

Lettera dall’Iraq (2)

Ciao giorgio,

TI scrivo dall’aeroporto di Sulaymaniyya. Tra poco sarò di ritorno in Europa dopo questi 5 giorni di permanenza in Iraq. Ancora una volta, voglio condividere con te e con tutti i nostri iscritti le esperienze più significative di questi giorni. ?

?Venerdì 26 febbraio? ?Arcivescovo Mosa (Mar Mattai)?Il monastero di Mar Mattai (San Matteo) è a 3 km dall’area controllata dallo Stato islamico. Si sentono continuamente colpi di mortaio. Ma i sette monaci ortodossi del monastero non ci pensano proprio ad andarsene: oltre a rappresentare un presidio spirituale e umano, ospitano famiglie di rifugiati e hanno un progetto importante per fornire lavoro ai cristiani della zona, così da non farli andare via. Ancora una volta, la nostra donazione non sembra davvero bastare.

Share

Lettera dall’Iraq

Ciao, TI scrivo dall’Iraq, dove mi trovo con altri 6 addetti di CitizenGO. Voglio condividere con te alcuni appunti presi durante gli incontri con molti cari amici, persone a cui stiamo portando il sostegno economico e la solidarietà di tutti i nostri sottoscrittori.

Ti invito di cuore a leggere queste nostre esperienze e a farle tue, perché esse sono possibili solo grazie alla partecipazione e all’impegno tuo e di tutti i cittadini attivi di CitizenGO da tutto il mondo.

Mercoledì 24 febbraio

Padre Jens (Sulaymaniyya)

Siamo accolti nel monastero di padre Jens a Sulaymaniyya, nel nord dell’Iraq (regione del Kurdistan iracheno). Padre Jens, membro della comunità monastica di Mar-Musa fondata da Padre Paolo dall’Oglio (ormai da due anni e mezzo nelle mani dell’ISIS) che si dedica al dialogo interreligioso tra cristianesimo ed islam in quest’area.

Share

Piccolo elenco di frasi utili

AMANTE – Se la vostra amante si mostra talvolta sgradevole con voi, consolatevi pensando che al marito va certamente peggio.

AMICI – Amare i nostri nemici, d’accordo. Ma come si possono amare certi nostri amici?

ASCOLTO – Bisogna stare sempre all’ascolto del proprio tempo. Ma origliare non è cattiva educazione? Vedi “spirito del tempo”.

BERLINO – Città immaginaria in cui si dice che esista ed operi un giudice giusto. Ma se ne dicono tante…

Share