Nikki Haley al posto di Mike Pence? I precedenti

Di quando in quando, comunque di recente, circola negli USA l’ipotesi di una sostituzione nel ticket repubblicano per il 2020.
Non più Mike Pence nel ruolo di aspirante alla conferma quale Vice.
Al fianco di Donald Trump, invece, l’ex Governatore ed ex Ambasciatore all’ONU Nikki Haley.
Ipotesi al momento azzardata, ma non si sa mai.
Guardando al passato, è già accaduto che in vista di un secondo mandato il Presidente uscente abbia sostituito il proprio running mate.
Il primo caso (anomalo visto il sistema elettorale precedente la riforma del 1804 e quindi differente), concerne Thomas Jefferson che ebbe al fianco Aaron Burr nel primo quadriennio e George Clinton nel secondo.
Poi, davvero particolare la circostanza riguardante John Calhoun.
Vice prima di John Quincy Adams e subito dopo, cambiando cordata, del successore Andrew Jackson, fu sostituito da quest’ultimo nel secondo mandato da Martin Van Buren, primo Vice arrivato alla Casa Bianca immediatamente dopo avere esercitato appunto la funzione vicaria.
Procedendo nel tempo, Grover Cleveland ebbe sì due diversi Vice ma occorre considerare che il primo, Thomas Hendricks, morì in carica.
Nella vittoriosa campagna del 1892 fu questi sostituito da Adlai Stevenson I, nonno del futuro due volte respinto candidato a White House Adlai Stevenson Il.
Anche Garret Hobart, in tandem con William McKinley, venne a morte in corso di mandato.
Fu così che a fianco di McKinley nel 1900 corse Theodore Roosevelt, poi succeduto al titolare assassinato.
Straordinario – non è d’altronde l’unico Presidente eletto quattro volte? – il caso concernente Franklin Delano Roosevelt.
John Garner fu suo Vice nei primi otto anni.
Henry Wallace nel terzo mandato.
Harry Truman – subentrato due mesi scarsi dopo l’insediamento – nel quarto.
Assolutamente specifico anche il caso riguardante i Vice di Richard Nixon.
Non cambiò Nixon il proprio vicario prima della seconda investitura in corso di campagna ma dopo le sue successive dimissioni.
Spiro Agnew il dimissionario Vice.
Gerald Ford il subentrato attraverso una nuova – per la prima e finora unica volta utilizzata – procedura.
Il nuovo Vice fu scelto da Nixon e la sua nomina fu approvata dal Congresso.
In precedenza, un vicario deceduto o dimessosi non poteva essere cambiato in corso di quadriennio ma, come visto, solo in sede elettorale.
Ecco, dopo Ford nessun’altra modifica di ticket nelle campagne presidenziali successive.
Al Gore, Dick Cheney e Joe Biden furono al fianco rispettivamente di Bill Clinton, George Walker Bush e Barack Obama per tutti gli otto anni di loro permanenza alla Casa Bianca.
Haley al posto di Pence?
Vedremo anche se dobbiamo aspettarci nel caso una davvero opportuna e gratificante collocazione per il sostituito Vice.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *