Ci vediamo stasera in piazza Arafat, assassino

Prima che una piazza o un parco pubblico di Roma vengano intitolati – per iniziativa dell’amministrazione capitolina – alla memoria di Yasser Arafat, prima che diventi un’abitudine vedersi la sera in piazza Arafat, magari per un aperitivo o una passeggiata, sarebbe utile ricordare il rapporto che il leader palestinese ha avuto con la città di Roma e con i suoi abitanti.

La mattina del 9 ottobre del 1982 cinque terroristi palestinesi si diressero verso la Sinagoga di Roma. Quel giorno si celebravano lo Shemini Atzeret e contemporaneamente il Bar Mitzvah di alcune decine di adolescenti. Alla Sinagoga c’erano più di trecento persone, moltissimi erano bambini e ragazzi. I cinque si disposero in modo da poter bloccare le vie di fuga, e quando un agente della sicurezza della Comunità Ebraica Romana chiese a due di loro di identificarsi, lanciarono alcune bombe a mano e cominciarono a sparare raffiche di mitra in direzione della folla. Alcuni minuti di raffiche ed esplosioni, prima che i cinque riuscissero a dileguarsi in auto. Stefano Gaj Taché aveva due anni quel giorno, l’ultimo della sua breve vita. Altre 37 persone rimasero ferite nell’attacco.

L’attentato alla Sinagoga di Roma non è l’unico crimine – tra i tanti ai quali si può attribuire la responsabilità materiale o quantomeno la copertura politica e morale di Yasser Arafat – che ha avuto luogo a Roma, anche se è senz’altro quello che conserva la carica simbolica più forte. Il 17 dicembre 1973 un commando palestinese aveva ucciso ben 34 persone all’aeroporto di Fiumicino, e sempre lo scalo romano fu il teatro della strage del 27 dicembre 1985, in cui persero la vita 16 persone, e più di cento furono ferite.

Pochi mesi prima dell’ultima strage, il 25 settembre del 1985, una bomba esplose nell’agenzia della British Airways di via Bissolati. Ce l’aveva messa un giovane terrorista palestinese. Raffaella Leopardo, che lì lavorava, morì a causa delle ustioni dopo una settimana di agonia.

Alcuni giorni fa Stefano Gaj Taché avrebbe compiuto 37 anni, nella città che sta per intitolare un parco pubblico alla memoria del suo assassino.

Da: stradeonline.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *