Mese: aprile 2016

L’Europa nella trappola turco-tedesca

l43-erdogan-merkel-151114201958_medium

Non è necessario essere un acuto conoscitore di problemi internazionali per comprendere che la visita al campo profughi di Gazantiep, in Turchia, della Cancelliera Merkel, del Presidente del Consiglio UE, Tusk e del vice-Presidente della Commissione UE, Timmermann, abbia come scopo quello di continuare a persuadere il Presidente della Repubblica turca del suo interesse a bloccare l’esodo dei profughi medio-orientali verso i paesi del Nord-Europa.

Dietro al fallimento della politica di Obama

ghia

Che la reazione delle democrazie occidentali all’avanzata dell’islam radicale fosse inadeguata, lo avevamo compreso da tempo. Irresolutezza di Washington e assenza della Ue non meritano neppure commenti. Il disastro della politica estera americana sotto la presidenza Obama e il parallelo vuoto politico, persino umiliante, della Unione Europea (simboleggiato dal dilettantismo del governo Renzi e dalla nullità istituzionale della Mogherini) sono sotto gli occhi di tutti. Ci voleva però un saggio denso e informatissimo firmato dall’ammiraglio ed esperto di relazioni internazionali Fabio Ghia per farci comprendere la portata dell’intrico di forze sottostanti e le ragioni dello stallo. In “Europa Latitante –

Intervista a Stefano Parisi

stefano-parisi.jpg.aspx

Dottor Parisi, lei è riuscito nel miracolo di mettere d’accordo sulla sua candidatura forze che altrove litigano in continuazione e perfino di tirare dalla sua parte un partito che a Roma è al governo con Renzi. Mi spiega come ha fatto?

Il primo motivo è che i componenti della coalizione che mi sostiene si sono resi conto che qui a Milano – una città che ha sempre anticipato tutte le altre nelle innovazioni politiche – si gioca anche il futuro del Paese. Perciò, con encomiabile senso della responsabilità, si sono accordati su un programma e su una persona come me, con un profilo inclusivo” e una storia di concretezza nella sua attività professionale.

Il contributo del governo tedesco all’islamizzazione dell’Europa

Merkel-profughi-salario-ridotto

ll Governo tedesco, guidato dalla signora Merkel, sta contribuendo all’islamizzazione dell’Unione Europea.

La gentile Cancelliera, nel tentativo di frenare il flusso di profughi dal Medio Oriente e, nel contempo, onde fugare l’accusa d’insensibilità verso il dramma di quei derelitti, ha pensato bene di promettere al “democratico” Governo di Ankara un aiuto comunitario di 3 miliardi di Euro per aiutare gli esuli ed il sostegno all’adesione della Turchia all’Unione Europea.

L’Italia come il Texas?

texas-trivelle1

Il programma di Governo che prevede trivellazioni in mare lungo le coste italiane e? dovunque avversato dalla popolazione. Sin dall’incontro promosso a Roma da Italia Nostra ed al quale parteciparono dodici associazioni nazionali e trenta parlamentari contro lo “Sblocca Italia” si denuncio? il rischio d’interventi dannosi per il Paese, e le trivellazioni in terra ed in mare rientrano tra questi.

LE STYLE EST L’HOMME MEME

Senza titolo-1

Lo stile è lo stesso uomo.

Questo detto ,diventato una locuzione piuttosto comune, figura nel discorso pronunziato in occasione della “Réception à l’Académie de France “, nel 1752, dello scienziato Georges Louis Leclerc de Buffon.
E’ indubbio che lo stile, in senso lato, di una persona è indicativo, in larga misura, del carattere della stessa.
Oltre all’abbigliamento il frasario di una persona fa parte dello stile e ne rivela, in genere, il carattere.