Quale sarà il prossimo obiettivo degli attacchi degli integralisti mussulmani?

isisFin dal 2012 (v. Cartalibera del 24 settembre) segnalammo il pericolo.
Analizzammo poi le origini dottrinarie e storiche del fenomeno (v. ibidem del 4-7- 2015 e del 29-11-2015) e non mancammo in altri scritti d’invitare i Governi Occidentali ad interventi decisi laddove infuriava la guerra generatrice dei flussi di profughi e dell’esodo dei Cristiani dal Medio Oriente.
Ma fummo una delle tante “voces clamantes in deserto”.
Ricordando gli attentati più clamorosi perpetrati dagli integralisti nei paesi occidentali (Nuova York, Madrid, Parigi, Bruxelles) emerge chiara una strategia: colpire le capitali dei paesi più importanti.
Chi manca nella lista? Roma e Berlino.
L’Urbe è il simbolo della Cristianità ,Berlino quello della potenza industriale del nostro continente.
A Roma si sta celebrando solennemente l’anno della misericordia.
Un attentato nella città eterna avrebbe quindi una risonanza “mondiale”.
Ci auguriamo ” vivissimamente” che gli organi di polizia italiani e stranieri collaborino in maniera estremamente efficace per sventare l’eventuale pericolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *