“Ed il massacro continua…”

310x0_1450780420484_rainews_20151222113214290Ogni giorno leggiamo di naufragi nel mare prospiciente le coste turche o quelle italiane.

I contrabbandieri turchi o libici continuano ad arricchirsi.

I Governi balcanici e quello austriaco chiudono le frontiere.

Ankara utilizza i poveri fuggiaschi come arma d’ignobile ricatto onde strappare all’Unione Europea ancora aiuti pecuniari e l’adesione alla Comunità Europea forse promessa a quattrocchi dall’ ineffabile Cancelliere in occasione della sua visita nella capitale turca.

Tempo fa scrivemmo che stava arrivando, a causa dei flussi dei profughi, la “finis Europae”.

Fummo facili profeti?

Ci auguriamo di sbagliarci ma occorre agire e non trastullarsi in una serie di sterili “vertici” se non si vuole il crollo della costruzione europea ed altre vittime innocenti.

Il costo di una spedizione in Libia e di un rafforzamento della tregua in Siria è inferiore -a conti fatti – alla catastrofe che si sta delineando.

Speriamo che trovi attuazione l’esortazione ciceroniana:”In duobus malis, cum fugiendum maius sit, levius est eligendum” (=Tra i due mali , quando vi sia modo di scansare il maggiore ,si deve scegliere il minore”,v.  “De offic.”,1,35).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *