Mese: ottobre 2015

Il gran rifiuto di Joe Biden

633f0437-7d13-4bb0-ac0e-c6da4bd57461

22 ottobre 2015 – Alla fine si è tirato indietro: Joe Biden ieri ha formalmente annunciato che non si candiderà per la conquista della nomination democratica.
Una notizia pervenuta in extremis, dopo mesi di rumores che davano l’attuale vicepresidente sempre più prossimo alla discesa in campo.
Eppure tutto si è concluso in un nulla di fatto.

“VENIAM NECESSITATI DARI” (=E’ indispensabile piegarsi alla necessita’ – v. Cicerone, “De officiis”, 2, 16, 56).

Egyptian protesters hold banners that read in Arabic "we call for the release of Muslim females who are detained in the churches before they kill them" and chant slogans calling for end the church violence on the christians who converted to Islam during a demonstration held by the Salafis in Cairo, Egypt, Friday, April 29, 2011. (AP Photo/Khalil Hamra)

Pare evidente che contrastare efficacemente l’integralismo islamico in Medio Oriente ed in Africa Settentrionale sia un’impresa drammaticamente ardua anche perché le forze estremiste possono contare su terroristi anche in Europa.
Gli Stati Uniti, guidati da un presidente a fine mandato non sembrano determinati ad un intervento efficace anche in considerazione del fatto che il teatro operativo è lontano geograficamente e, apparentemente, anche dai loro interessi.
I Governi europei sono, purtroppo, divisi circa la strategia da adottare e fino ad ora non hanno intrapreso nessuna azione concreta tranne, e con molti tentennamenti, lo schierare navi nel Mediterraneo per cercare di salvare i profughi.

Le ricette liberali unica via per la crescita dell’Italia

piccola

“Solo le ricette liberali possono riportare ad una crescita duratura dell’Italia. E’ necessaria una drastica riduzione del peso del settore pubblico nell’economia e nella società, riducendo tasse e spesa pubblica e riavviando privatizzazioni e liberalizzazioni. L’incontro di oggi a Milano ha un significato particolare anche in vista delle prossime elezioni amministrative del Comune di Milano: ci vuole un sindaco espressione di valori liberali e civici.” – ha dichiarato Edoardo Croci, presidente de “I Liberali” all’incontro dello scorso sabato in Triennale dal titolo più che evocativo: “La Rivoluzione Liberale: come farla”. La giornata, aperta dal presidente della Triennale Claudio de Albertis ha visto la partecipazione di oltre 150 persone in rappresentanza della galassia liberale italiana e milanese.

USA 2016, i neo con alla riscossa

Congresso

Uno spettro si aggira per l’America: lo spettro del neoconservatorismo. La corsa elettorale per la conquista della nomination repubblicana sta difatti evidenziando il riemergere di frange vicine a questo movimento: una galassia che sembra risvegliarsi, pronta a riprendere il controllo dell’Elefantino.

Entrato in crisi nel 2006, a seguito della contestata guerra irachena, la popolarità del neoconservatorismo crollò decisamente negli anni seguenti, schiacciata non soltanto dalle critiche del fronte democratico ma anche da polemiche sorte in seno allo stesso GOP.

Papa Francesco parla al congresso Usa

foto_462507_550x340

I discorsi, tenuti dal papa in occasione della visita negli Stati Uniti, hanno evidenziato una serie di preoccupazioni decise, che intervengono inevitabilmente in modo diretto in seno al dibattito politico americano.

In particolare, Francesco si è concentrato su alcuni punti da sempre centrali nell’ambito del suo pontificato: punti, che hanno assunto ulteriore risonanza, data l’occasione e il luogo in cui sono stati ribaditi.

USA: elezioni presidenziali

usa_map_flag1

L’attenta osservazione dei risultati elettorali naturalmente generali ma altresi’ Stato per Stato nel trascorrere del tempo consente di vedere con precisione, di cogliere i momenti decisivi della storia americana per quanto riguarda il susseguirsi dei diversi ceti sociali al potere nel Paese e la geopolitica.