Quei figli di cani che parlano di ‘accoglienza’!

1303Lo so, ne ho già ed appena trattato.

Ma è un tema imprescindibile.

Sono le 10.04 di lunedì 31 agosto e arrivo in studio dopo avere percorso le vie del centro di Varese.

Ho incontrato almeno quattro mendicanti neri evidentemente in cattive condizioni e so che verso mezzogiorno, dovessi ripassare, ne incontrerei molti di più.

Come sempre, dono loro qualcosa.

A volte, a quelli davvero male in arnese pago un kebab e una coca cola.

Economicamente non mi tocca per niente e non è quindi per questo che della questione tratto.

No, ne parlo per denunciare con ogni possibile forza quei figli di cani – un numero infinito nei media, tra i politici, nella Chiesa – che cianciano di ‘accoglienza’ e costringono migliaia e migliaia di immigrati alla mendicità, quando va bene, al malaffare, allo sfruttamento, alla prostituzione…

Figli di cani, ho detto?

La prossima volta li definirò ancora peggio, come meritano, tutti, d’essere chiamati!

Share

349 comments for “Quei figli di cani che parlano di ‘accoglienza’!

  1. Pingback: kvoo.com
  2. Pingback: Faulkner Law
  3. Pingback: gomylocal.com
  4. Pingback: 야동사이트
  5. Pingback: Nascence
  6. Pingback: mekanisk dildo
  7. Pingback: seo
  8. Pingback: marble statues
  9. Pingback: wrongful death
  10. Pingback: Vaswani Marks 36
  11. Pingback: updowntoday.com
  12. Pingback: bank locker
  13. Pingback: liteblue login
  14. Pingback: gun safe room
  15. Pingback: Smmnet
  16. Pingback: dermal fillers
  17. Pingback: 먹튀폴리스
  18. Pingback: Manji Law
  19. Pingback: expertlaw.com
  20. Pingback: tài khoản forex
  21. Pingback: food waste
  22. Pingback: 8tracks.com
  23. Pingback: text 2 give
  24. Pingback: cleaning london
  25. Pingback: Read Full Article
  26. Pingback: disqus.com
  27. Pingback: căn hộ sala
  28. Pingback: blog travel
  29. Pingback: a fantastic read
  30. Pingback: situs judi online
  31. Pingback: 야마토게임
  32. Pingback: 토토 사이트
  33. Pingback: PDT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *