“EXCUSATIO NON PETITA ACCUSATIO MANIFESTA” (=LE SCUSE NON RICHIESTE SONO UNA ‘ACCUSA MANIFESTA PER CHI LE FORMULA)

455b9c4f-6e1e-4797-a829-e6e8273e4d5dE’ un detto che ha un fondamento d verità o che tale può apparire.
Nel caso dei nostri fanti di marina il Governo Monti, sotto la probabile spinta di interessi commerciali con l’India, ha commesso il grave errore di pagare (non ci risulta che si fosse stato richiesto) un indennizzo alle famiglie dei pescatori indiani morti nell’incidente dando in tal modo l’impressione di accettare la tesi delle autorità indiane della responsabilità dei nostri due militari.

Ha peggiorato la situazione non chiedendo “vigorosamente ” a Nuova Delhi un arbitrato internazionale:

“Dulcis – si fa per dire – in fundo”, malgrado l’atteggiamento offensivamente dilatorio di quelle autorità, rinviò i due malcapitati in India.

L’allora Ministro degli Affari Esteri,Terzi di Sant’Agata, si era opposto alla decisione scontrandosi – sembra – con il Ministro Passera, e “dignitosamente” (lui sì !) rassegnò le dimissioni.
I nostri militari sono stati sacrificati sull’altare degli interessi commerciali e della mancanza di dignità del Governo?
Al lettore la risposta. Chi scrive non nutre dubbi!

3 comments for ““EXCUSATIO NON PETITA ACCUSATIO MANIFESTA” (=LE SCUSE NON RICHIESTE SONO UNA ‘ACCUSA MANIFESTA PER CHI LE FORMULA)

  1. 1 marzo 2016 at 10:06

    Hello to every one, for the reason that I am in fact eager of reading
    this weblog’s post to be updated regularly. It contains good data.

  2. 19 febbraio 2016 at 14:57

    Its such as you read my thoughts! You appear to know so much approximately this, such as you wrote the
    ebook in it or something. I feel that you can do with
    some p.c. to force the message home a little bit, but instead of that,
    that is excellent blog. An excellent read. I’ll certainly
    be back.

  3. 19 febbraio 2016 at 08:57

    It’s very straightforward to find out any topic on net as compared
    to textbooks, as I found this article at this site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *