Mese: Ottobre 2014

IL COMPLESSO DI DIO

I mediocri filosofi che vorrebbero fare della filosofia una scienza rigorosa, su basi esclusivamente logico matematiche, non sanno che farsene dell’idealismo filosofico. Dal loro punto di vista, l’idealismo dovrebbe essere considerato e valutato nei limiti della problematica gnoseologica; ossia sarebbe stato un tentativo, sostanzialmente erroneo anche se storicamente ricorrente, di affrontare il problema della conoscenza.

Share

4 NOVEMBRE 2014 – USA: MID TERM ELECTIONS

Il prossimo 4 novembre, come sempre di martedì, il popolo americano sarà chiamato alle urne per le ‘Elezioni di medio termine’.
Attualmente, la Camera dei rappresentanti è a maggioranza repubblicana nel mentre al Senato la prevalenza democratica è di stretta misura.
Per quanto le votazioni riguardino i due rami del parlamento, sono importanti anche per Obama visto che gli elettori sono comunque portati in queste occasioni a votare tenendo conto dell’operato dell’inquilino di White House.

Share

IL LAVORO C’E’, MANCA LA VOGLIA DI LAVORARE

Allora, le badanti regolarmente assunte in Italia sono più di un milione e per il novanta per cento sono straniere.
Gli stranieri che ufficialmente lavorano in altri campi nel nostro Paese sono in totale più di due milioni e mezzo.
La ragione?
Semplice, i lavori che fanno gli immigrati non sono svolti dagli italiani che non li vogliono svolgere.

Share

OVVIETA’ ECONOMICA INASCOLTATA

Il 27 aprile 2012 questo foglio ospitò un mio breve scritto intitolato: “Un incomprensibile ritardo del Governo Monti” in cui stigmatizzavo il ritardo (dopo oltre 4 mesi dall’insediamento di quell’ Esecutivo) per le difficoltà che incontrava il Ministro Giarda, a procedere alla revisione della spesa pubblica revisione che giudicavo essenziale per cercare di ridurre l’enorme disavanzo pubblico. A distanza di due anni detta revisione (detta, per renderla più alla moda, “spending review”), dopo ben due Governi, sembra ancora in alto mare. Nel frattempo il nostro debito si è accresciuto a dismisura. L’economia di un paese è, semplificando, soggetta alle stesse regole che sovraintendono all’economia di una famiglia.

Share

UNO STRAORDINARIO DIFENSORE DEGLI ANIMALI DEL 6° SECOLO A.C

Pitagora, dettaglio della Scuola d'Atene (1511) di Raffaello Sanzio

Rileggendo il mirabile poema di Ovidio Nasone (43 a.C.- 17 d.C.) ci si imbatte in un vero e proprio manifesto animalista “ante litteram” che il poeta attribuisce a Pitagora (nato a Samo nella prima metà del 6° sec.a.C,, trasferitosi poi a Crotone dove fondò la sua famosa scuola) della cui dottrina si sarebbe nutrito il secondo re di Roma,Numa Pompilio, che si era recato nella città calabra.
E’ un testo che colpisce per la sua straordinaria chiarezza ed efficacia sì che lo proponiamo ai nostri lettori nella traduzione italiana (v. “Le Metamorfosi” nell’ed. B.U.R. “Classici latini e greci ” ed.2013, trad. di Giovanna Faranda Villa)e senza alcun commento ché ci sembrerebbe del tutto superfluo.

Share

GEORGE CLOONEY ALLA CASA BIANCA

Ricordando che George Clooney ha solo cinquantatre anni:
Primo scenario:
1 Matrimonio da favola a Venezia con la persona ‘giusta’.
2 Un figlio entro il prossimo anno con gravidanza annunciata al massimo tra sei mesi.
3 Dichiarazioni di appoggio alla candidatura (se ci sarà) in campo democratico di Hillary Clinton già in fase di primarie e caucus.
(Clooney e il suo entourage sperano in Hillary perchè, date l’età e le non ottime condizioni fisiche, se eletta, con ogni probabilità reggerebbe un solo mandato sgombrando il campo nel 2020.)
4 Una continua presenza durante tutta la campagna.
5 La candidatura in prima persona nel citato 2020

Share

IL RISPARMIO? E’ LA ROVINA!!!

Risparmio

La Svezia prima, la Polonia, dopo, oggi la Norvegia…
Le Olimpiadi invernali fissate per il 2022 non trovano una sede.
Troppo alti i costi, dicono i governanti dei tre Paesi suddetti.
Ecco un perfetto esempio di imperdonabile imbecillità.
Semplificando e senza tema di smentita se non da parte degli idioti – che sono peraltro larghissima maggioranza – nella situazione economica data, occorre spendere non risparmiare!

Share

WILLIAM JENNINGS BRYAN

William Jennings Bryan

Al termine della convention democratica di Chicago del 1896, la maggioranza dei delegati, ripudiata la politica di Grover Cleveland e dei suoi sostenitori, candidò alla presidenza William Jennings Bryan.

Trentaseienne e per ciò stesso il più giovane aspirante alla Casa Bianca mai prescelto dai due maggiori partiti (la Costituzione prescrive che si debbano avere almeno trentacinque anni compiuti), Bryan era arcinoto in tutto il Paese come un magnifico e torrenziale oratore e un integerrimo sostenitore dei valori della tradizione.

Share