UNO STRAORDINARIO DIFENSORE DEGLI ANIMALI DEL 6° SECOLO A.C

Pitagora, dettaglio della Scuola d'Atene (1511) di Raffaello Sanzio

Pitagora, dettaglio della Scuola d’Atene (1511) di Raffaello Sanzio

Rileggendo il mirabile poema di Ovidio Nasone (43 a.C.- 17 d.C.) ci si imbatte in un vero e proprio manifesto animalista “ante litteram” che il poeta attribuisce a Pitagora (nato a Samo nella prima metà del 6° sec.a.C,, trasferitosi poi a Crotone dove fondò la sua famosa scuola) della cui dottrina si sarebbe nutrito il secondo re di Roma,Numa Pompilio, che si era recato nella città calabra.

(testo tratto da Libro XV delle “Metamorfosi” di Ovidio pubblicato dalla B.U.R. – Classici   Greci e Latini – 15a ediz. – traduzione di Giovanna Faranda Villa)

E’ un testo che colpisce per la sua straordinaria chiarezza ed efficacia sì che lo proponiamo ai nostri lettori nella traduzione italiana (v. “Le Metamorfosi” nell’ed. B.U.R. “Classici latini e greci ” ed.2013, trad. di Giovanna Faranda Villa)e senza alcun commento ché ci sembrerebbe del tutto superfluo.

/«Smettetela, uomini, di profanare i vostri corpi con  ci- “bi empi! Ci sono le messi, ci sono alberi stracarichi di frut­ti, ci sono turgidi grappoli d’uva sulle viti! Ci sono erbe dolci e tenere, altre che si possono addolcire e ammorbidire con la cottura. Avete a disposizione il latte e il miele profumato di timo. La terra nella sua generosità vi pro­pone in abbondanza blandi cibi e vi offre banchetti senza stragi e sangue. Sono le bestie a soddisfare la loro fame con la carne, e nemmeno tutte! I cavalli, le pecore, i bovi­ni vivono d’erba. Invece quelle che hanno una natura in­ domabile e feroce: le tigri d’Armenia, i rabbiosi leoni, i lupi e gli orsi, pretendono cibo sanguinolento. Che enor­me delitto è ingurgitare viscere altrui nelle proprie, far in­ grassare il proprio corpo ingordo a spese di altri corpi, e vivere, noi animali, della morte di altri animali! Ti par possibile che fra tanto ben di dio che produce la terra, ot­tima tra le madri, a te non piaccia masticare altro coi tuoi denti crudeli che carne ferita, riportando in voga le abiti­dini dei Ciclopi? E non riuscirai a placare le brame del tuo ventre vorace e male abituato se non uccidendo un altro? Eppure quell’antica età, cui abbiamo dato il nome di “aurea”,9 fu felice perché gli uomini vìvevano dei frutti degli alberi e delie erbe prodotte dalla terra, e le boc­che non erano contaminate dal sangue! Allora gli uccelli potevano volare tranquilli nell’aria e le lepri errare nei campi senza paura e I pesci non rischiavano, per la loro ingenuità, di finire a penzolare da un amo. Non c’erano insidie, non c’era timore di frodi, la pace regnava dap­pertutto.                                         ^
Poi ci fu uno, chiunque egli sia stato, in cui nacque un sentimento perverso di invidia per il cibo di cui si pasco­no gli dei e si mise a ingoiare avidamente pietanze di car­ne, aprendo così la via allo scempio. Può darsi che in un primo tempo il ferro si sia macchiato del caldo sangue delle bestie feroci: e di ciò ci si doveva accontentare. Ammetto che decretare la morte di chi cerca la nostra non è pecca­to. Ma se era lecito uccidere le belve, non altrettanto lo era mangiarle. Invece da lì la strage si estese. Si pensa che la prima vittima sia stato il porco, che meritò di morire perché, scavando col suo grugno, dissotterrava le semen­ti e frustrava le speranze di raccolto. Toccò poi al capro: si dice che per aver mangiato foglie di vite fu sacrificato sull’altare di Bacco, che di ciò pretendeva vendetta. Fu dunque la loro colpa ad attirare su questi due animali la punizione. Ma voi pecore, gregge pacifico, nato per aiu­tare l’uomo, che portate nelle vostre poppe colme un lat­te che è un nettare, che ci offrite la vostra lana per farne morbide vesti e siete più utili vive che morte, che colpa avete mai avuto? E che colpa ha il bue, animale onesto e ingenuo, innocuo e semplice, nato per sopportare la fa­tica? È un ingrato, un indegno del dono delle messi, colui che può macellare la bestia che per lui lavora i campi, su­bito dopo averle tolto di dosso il peso dell’aratro ricurvo! Colui che può abbassare la scure su quel collo logorato dalla fatica, di cui si è servito tante volte per lavorare il duro terreno dei campi e per ottenere tanti raccolti! E non basta a gente del genere commettere un tale delitto, ma ne ascrivono la responsabilità agli dei, ritenendo che la suprema divinità goda della strage dei laboriosi gioven­chi! Una vittima senza macchia, dal bellissimo aspetto (questo le è stato fatale!), ornata d’oro e cinta di bende, viene collocata davanti all’altare, ode preghiere di cui non capisce il senso, vede che le pongono tra le corna quelle messi che sono cresciute grazie alla sua fatica e infine vie­ne colpita e arrossa di sangue il coltello che forse ave­va intravisto poco prima, riflesso nell’acqua limpida. Ed ecco che i sacerdoti si affrettano a scrutare dentro le vi­scere strappate al suo petto ancor caldo e pensano di in­dividuare in esse i disegni degli dei. E di queste osate ci­barvi, uomini? Tanto grande è la vostra fame di cibi proi­biti? Non fatelo, vi prego, ma ascoltate i miei avvertimenti! E quando vi mettete sotto i denti le membra dei buoi uc­cisi, rendetevi ben conto che masticate la carne dei vostri contadini! 

^Che tre­mende abitudini contrae e come si prepara a versàire  empiamente sangue. Umano mentre taglIa  con  un coltello Ia gola di un vitellino senza lasciarsi turbare  dai muggiti che giungono alle sue orecchie! Colui che può_sgozzare un capretto che emette lamenti simili ai vagiti di un bambino…..^

Quanto manca a gente del genere per compiere un vero e proprio delitto? Se si comincia così, dove si andrà a finire? Lasciate che il bue ari e debba la sua morte alla vecchiaia, che la pecora ci procuri il mezzo di difenderci contro i rigori di Borea, che la capra ci offra le sue poppe da mungere! Eliminate le reti, le trappole, i cappi, tutte le insidie! Non preparate tranelli agii uccelli con bastoni spalmati di vischio, né ai cervi con spauracchi coperti di penne e non nascondete gli ami adunchi sotto esche in-gannatrici! Uccidete le bestie che fanno del male, ma li­mitatevi a ucciderle! Le vostre bocche  none se ne cibino e si nutrano solo di alimenti incruenti!». Così Pitagora.

2 comments for “UNO STRAORDINARIO DIFENSORE DEGLI ANIMALI DEL 6° SECOLO A.C

  1. 20 febbraio 2016 at 11:31

    What i do not understood is in fact how you are not actually
    much more smartly-liked than you may be right now.
    You’re so intelligent. You know therefore considerably relating to this matter, made me personally imagine it from so many
    varied angles. Its like women and men don’t seem to be
    involved except it’s one thing to do with Woman gaga!
    Your own stuffs nice. All the time take care of it up!

  2. 19 febbraio 2016 at 09:17

    Greetings from Idaho! I’m bored to tears at work so I decided to check out your
    site on my iphone during lunch break. I love the information you provide here and can’t wait to take a look when I get
    home. I’m surprised at how fast your blog loaded on my mobile ..
    I’m not even using WIFI, just 3G .. Anyways, awesome site!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *