LA BOTTIGLIA DI VETRO

Immagine1U*** è di Matera.
Vecchia quercia, a settantatre anni non ha perso la naturale irrequietezza.
E’ il suo carattere: mai fermo.
Lo incontro che sono le otto del mattino e ha già percorso  in lungo e in largo due volte 
l’intero centro città varesino.
Racconta – è un’altra sua caratteristica: mai zitto – e vale la pena ascoltarlo.
Oggi parla di tempi lontani:
“Da ragazzino, correvo sempre.
Fine anni Quaranta, nella città dei sassi.
Alla mattina, mio padre mi dava le monete necessarie e mi spediva a prendere il vino.
Portavo con me la bottiglia.
Sui ciottoli, specie se bagnati, veloce e sventato come ero, scivolavo spesso e volentieri.
Poteva capitare allora che la bottiglia andasse in frantumi.
Se occorreva all’andata quando era vuota, una volta a casa una bella sgridata e via.
Se occorreva al ritorno a bottiglia piena, un paio di sberle bene assestate.
Mi salvavo solo quando mi facevo qualcosa.
Una sbucciatura, un taglio…
Allora, qualche carezza e qualche coccola.
Sai che ti dico: valeva la pena farsi male!”

3 comments for “LA BOTTIGLIA DI VETRO

  1. 21 febbraio 2016 at 13:46

    whoah this blog is fantastic i like studying your articles.

    Keep up the great work! You understand, a lot of persons are looking around for this information, you could aid them greatly.

  2. 20 febbraio 2016 at 06:20

    What i do not realize is actually how you are now not really a lot more well-appreciated than you may be now.
    You’re very intelligent. You recognize thus considerably when it comes to
    this topic, produced me in my view believe it from a
    lot of various angles. Its like women and men aren’t fascinated except it’s one thing
    to do with Lady gaga! Your personal stuffs outstanding. Always
    handle it up!

  3. 19 febbraio 2016 at 15:33

    I was very pleased to find this site. I need to to thank you
    for ones time just for this wonderful read!!
    I definitely really liked every little bit of it and i also
    have you book-marked to see new things on your blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *