RENZI E LE PATATE

RenziMatteo_2012Ma questi miliardi, ci sono o no?
Renzi si agita, promette, garantisce…
Sentendolo, mi torna in mente una vecchia barzelletta ebraica:
“Siamo nelle vecchia Unione Sovietica e un giorno la Pravda annuncia in prima pagina che ai magazzini di via…il giorno dopo saranno in vendita delle patate.
Alle tre del successivo mattino, il direttore dei magazzini in questione, visto il gran numero di persone in fila, esce e dice ‘Le patate ci sono ma non per così tante persone. Gli ebrei escano dalla fila’.
Mugugnando, un gruppetto abbandona il campo.
Un’ora dopo, ancora, il direttore: ‘Le patate ci sono ma non abbastanza per tutti. I non iscritti al partito comunista lascino la fila’.
Un secondo più nutrito gruppo di persone se ne va.
Ore cinque. Il direttore esce di nuovo: ‘Compagni – siamo tra di noi e ora posso chiamarvi tutti così – le patate ci sono ma non per tutti. Restino solo coloro che si sono iscritti al Partito almeno vent’anni fa’.
E la fila si sfoltisce notevolmente.
Ore sette. Ultima sortita del direttore: ‘Compagni, a voi che siete vecchi del mestiere lo posso dire. Le patate non ci sono’.
E il primo della fila, rivolgendosi al vicino, bofonchia ‘Sempre fortunati quegli ebrei!’”
Ecco, secondo me, come allora le patate, oggi i miliardi di Renzi non ci sono!!!!

da: maurodellaportaraffo.com

Share

468 comments for “RENZI E LE PATATE

  1. Pingback: outlook sign in
  2. Pingback: Reddit
  3. Pingback: Lakseolie til hund
  4. Pingback: seattle times
  5. Pingback: Flirting
  6. Pingback: Click here
  7. Pingback: Vienna
  8. Pingback: 카지노사이트
  9. Pingback: taxidenbosch
  10. Pingback: kongregate
  11. Pingback: adbux
  12. Pingback: hbcuconnect.com
  13. Pingback: Manji Law
  14. Pingback: Cannabis
  15. Pingback: 포르노사이트
  16. Pingback: Flat Belly Fix
  17. Pingback: Majeda Awawdeh
  18. Pingback: Ishq Subhan Allah
  19. Pingback: Yoga Burn
  20. Pingback: Cheap Ray Bans
  21. Pingback: Layarkaca21
  22. Pingback: dildo stol
  23. Pingback: Ida Wong Taylor
  24. Pingback: sniper

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *