RES SATIS NOTA: PLUS FAETENT STERCORA MOTA” (= E’ COSA ABBASTANZA NOTA: PIU’ RIMESTI LO STERCO PIU’ DA CATTIVO ODORE )

Anna Maria Cancellieri - Quirinale

Anna Maria Cancellieri - Quirinale

Questo antico proverbio è sempre piu’ d’attualità.

Qualche esempio:

  1. Lo scandalo dello spionaggio statunitense nei paesi alleati sta indebolendo la presidenza Obama ed i rapporti con i principali alleati. Non è – a dire il vero- del tutto una novità perchè anni fa si scoprì’ che esisteva un accordo (il c.d. ECHELON) tra i servizi segreti di Washington, del Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda e – se ricordiamo bene – del Canada, in base al quale venivano intercettati congiuntamente dai rispettivi organismi le comunicazioni “interessanti” per quegli Stati (ad es. l’atteggiamento che i Governi europei avrebbero adottato in occasione d’importanti trattative internazionali). Ora però la questione si fa molto piu’ seria.
  2. Nel nostro paese gli scandali si susseguono :spese folli dei gruppi politici nei Consigli Regionali, casi, quasi quotidiani, di concussione etc.
    Da ultimo l’intervento c.d. a fini umanitari del Ministro Cancellieri a favore della figlia di Ligresti. Probabilmente non sono ravvisabili aspetti illegali nella richiesta, da parte del Ministro, ai giudici competenti di porre attenzione allo stato di salute della Ligresti ma é stato un passo fortemente inopportuno sia perché non spettava al titolare del Dicastero di Grazia e Giustizia effettuare un tale intervento bensì ai legali dell’interessata sia e soprattutto perché esistevano legami di grande amicizia tra la Cancellieri ed i Ligresti. Il cittadino comune ed onesto di fronte a tutto ciò é preso da scoramento e non si meraviglia se troppi giovani cercano una collocazione all’estero. Così si perdono a vantaggio di altri paesi le migliori energie che hanno – è bene ricordarlo-ricevuto un’ istruzione a spese di tutti noi. Occorre che tutto il nostro Paese reagisca prima che sia troppo tardi. L’indigenza e la corruzione spingono, infatti, sovente alla ribellione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *