N’A PAS ENCORE GAGNE’!

Medie inferiori.

Fra i compagni, un tipo allegro, sorridente: Eugenio Colombo.

Lo rivedrò, dopo, ma non per molto.

Vent’anni o quasi e qualcuno mi dice che la passione per i cavalli lo ha portato in America.

Non che giocasse, no.

Li amava al punto di conoscerne tutto, genealogie se possibile fino alla decima generazione compresa, la qual cosa ne faceva un agente ippico coi fiocchi.

E ne ho di bel nuovo notizia nel 1977, Sirlad straripante nelle corse in Italia.

E’ lui, scopro, che ha portato da noi lo stallone Bold Lad per farlo incrociare con Soragna e mettere al mondo il purosangue che, tutti lo credono, imiterà Ribot e Nearco.

Sono quelli, i secondi Settanta, i miei anni del gioco.

Casinò, dadi, carte, biliardo e naturalmente cavalli.

Non che valesse davvero la pena scommettere su Sirlad: troppo forte e per conseguenza quote troppo basse.

Ma che piacere vederlo in retta.

Cogliere il gesto del fantino che gli da il via.

Godere dello scatto imperioso che lo isola.

Che piacere…

E’ imbattuto, ovviamente, ma pare ci sia un qualche problema fisico e occorra una verifica.

Gli hanno messo contro una dura: viene d’oltralpe e si chiama Infra Green.

Vince e fa il record della pista sui duemila e quattrocento resistendo ai terribili seicento finali della francese.

Dopo, in molti a dire che non si doveva fare, che bisognava aspettare, che quei seicento metri lo avevano prosciugato.

Dopo, molto dopo, ché prima nessuno aveva fiatato.

E si va a Parigi convinti.

A Parigi, dove si corre al massimo livello.

In vista dell’Arc de Triomphe, il Prix Ganay, un Gruppo Uno di grande prestigio.

E’ il 30 aprile 1978 e siamo nientemeno che a Longchamp.

Un’invasione.

Gli italiani e in specie i varesini al seguito sono centinaia.

Aria di festa.

Vincerà, nessun possibile dubbio.

In compagnia, gongolante alla vista, muovo verso il tondino e un tale, un galletto rognoso, a brutto muso, agitando un giornale arrotolato, mi grida: “N’a pas encore gagné!”

Ho come un brivido.

Beh, vince Trillion e Sirlad, in lotta come mai gli era accaduto per le piazze, arriva terzo.

Torniamo a casa muti.

Non un fiato.

E’ che qualcosa ti si spezza dentro.

E’ che se non vince Sirlad quale altra certezza potrai mai avere?

Share

74 comments for “N’A PAS ENCORE GAGNE’!

  1. Pingback: Hannah Lewis
  2. Pingback: jasa view youtube
  3. Pingback: fix bad credit
  4. Pingback: agen bola
  5. Pingback: cara daftar sbobet
  6. Pingback: kratom
  7. Pingback: lagu terbaru
  8. Pingback: Free sex videos
  9. Pingback: Backlink Bokep
  10. Pingback: powerball
  11. Pingback: dubai
  12. Pingback: door towel rack
  13. Pingback: Roxanne Hurlock
  14. Pingback: Parallel Profits
  15. Pingback: Parallel Profits
  16. Pingback: bloody
  17. Pingback: store hours

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *