IL GENIO DI COASE DALLA TAV AL CAFFE’ VERSATO

Alla veneranda età di 102 anni il premio Nobel per l’Economia Ronald Coase è morto ieri come tutti i professori dell’Università Chicago sognano di morire: lavorando al suo ultimo articolo. Sebbene sia pressoché sconosciuto al largo pubblico Coase è stato uno dei più importanti economisti del XX secolo, che ha cambiato come pochi il modo di pensare non solo degli economisti, ma anche dei giuristi (insegnava a giurisprudenza), e dei policy maker.

Eppure all’inizio della carriera Coase non sembrava così promettente. Non brillante in matematica si laureò alla London School of Economics con specializzazione in business, allora considerata meno prestigiosa. Invece di specializzarsi come tutti allora nell’economia teorica, si dedicò a spiegare un problema pratico: perché l’integrazione verticale delle imprese andava aumentando. Fino ad allora il focus dell’economia ero lo studio del funzionamento dei mercati, studio che assumeva ma non spiegava l’esistenza delle imprese. Coase invece cercò di capire perché le imprese esistono e perché hanno un diverso grado di integrazione verticale. In altri termini, perché in anni recenti General Motors impiegava 750.000 persone per fare 8 milioni di automobili, mentre Toyota ne faceva 4.5 milioni con solo 65.000 dipendenti. E’ la famosa scelta make vs. buy (produrre internamente o comprare da altri) .

L’intuizione di Coase fu capire che al loro interno le imprese sopprimono i meccanismi di mercato. Anche alla business school dell’Università di Chicago, dove i corsi sono messi all’asta, gli stipendi dei professori non sono determinati rigidamente dal risultato di quest’asta. Ad un sistema di mercato, le imprese sostituiscono il principio di autorità: sono delle piccole economie centralizzate che operano all’interno di un sistema di mercato.

Ma se le imprese scelgono volontariamente di sopprimere il mercato al loro interno – continua Coase – significa che esistono dei costi nell’utilizzare il mercato, ovvero un eccesso di decentralizzazione nell’allocazione delle risorse può essere inefficiente. D’altra parte il fatto che non tutte le imprese siano verticalmente integrate dimostra che esistono inefficienze anche in un’economia pianificata. Pertanto, i confini di un’impresa sono determinati dal trade-off tra i costi di operare sul mercato e i costi della centralizzazione delle decisioni. Coase non riuscì mai ad identificare perfettamente la natura di questi costi, ma non ci sono riusciti neppure tutti gli economisti che nei 75 anni successivi ci hanno provato. Dopo tre quarti di secolo il suo contributo rimane lettura obbligatoria per ogni economista.

Il capolavoro di Coase, però, fu scritto molti anni dopo, analizzando un altro problema pratico: quello dell’inquinamento. L’analisi economica tradizionale vedeva l’inquinamento come un fallimento del mercato. Coase lo vide come un problema di assenza di un mercato. Per capire l’idea riadattiamo uno dei suoi esempi alle vicende nostrane. Consideriamo il problema della costruzione del treno ad alta velocità tra Torino e Lione. Gli abitanti della Val di Susa sono in rivolta perché le gallerie potrebbero causare dissesti idrici nelle zone limitrofe. È giusto quindi bloccare la TAV? Coase osserva che in assenza di costi di transazione il modo più efficiente per risolvere la questione è definire un nuovo diritto (il diritto a bloccare il progetto) e poi delegare la risoluzione del problema alla libera contrattazione delle parti. Se gli abitanti della Val Susa possedessero il diritto a bloccare il progetto, acconsentirebbero di far passare la ferrovia solo in cambio di un compenso. Se il beneficio della TAV è più elevato del costo dei potenziali dissesti idrici, la società costruttrice sarà in grado di compensare gli abitanti della Val di Susa e la tratta sarà costruita. Se invece il beneficio della TAV è inferiore al potenziale costo dei dissesti idrici, la società costruttrice preferira’ non costruire la tratta che compensare gli abitanti della Val di Susa. Ma questo è il risultato efficiente perché i costi sono superiori ai benefici.

da ILSOLE24ORE.IT

L’aspetto sorprendente è che allo stesso risultato si arriva se il diritto viene dato alla società costruttrice. Se il costo è superiore al beneficio saranno gli abitanti della Val Susa che sono in grado di pagare la società ferroviaria perché la tratta non venga costruita, mentre se i costi sono inferiori ai benefici, non avranno sufficienti risorse per farlo.
Una conseguenza del ragionamento di Coase è che in assenza di costi di transazione il libero mercato arriva sempre alla soluzione efficiente, anche in presenza di esternalità come l’inquinamento. Fu questo risultato che George Stigler (un altro premio Nobel in economia dell’Università di Chicago) chiamò il teorema di Coase. Stigler, però, pone l’enfasi sull’efficienza del mercato, mentre Coase sui costi di transazione. È molto difficile fare una negoziazione tra tutti gli abitanti della Val Susa e la società costruttrice. Se tutti gli abitanti delegano un rappresentante comune, c’è il rischio che questo rappresentante venga corrotto (anche con metodi legali come promesse di lavoro futuro) a spese degli abitanti. Se invece si da ad ogni abitante il diritto di veto, ciascuno è in grado di bloccare l’accordo pretendendo un compenso astronomico.

La sentenza McDonald’s
È proprio questa enfasi sui costi di transazione che fa concludere a Coase che la legge deve dirimere queste controversie guardando non a chi ha ragione o torto, ma quale regola massimizza l’efficienza economica, dati i costi di transazione esistenti. Se il principale costo di transazione, per esempio, è che ciascuno può bloccare l’accordo con delle stime fantasiose dei potenziali danni, dare il potere decisionale ad un delegato degli abitanti sembra il metodo migliore. Se invece è maggiore il rischio che il delegato sia corrotto, è meglio dare il diritto dei veto direttamente agli abitanti.

6 comments for “IL GENIO DI COASE DALLA TAV AL CAFFE’ VERSATO

  1. 17 marzo 2016 at 17:45

    We possess created Mobile Strike Crack Tricks Tool to help you get
    plenty off golds, vips, and gold foor free of
    charge.

  2. 20 febbraio 2016 at 00:58

    Once the stalking player gets impatient, his play
    can be sub-optimal.

  3. 20 febbraio 2016 at 00:45

    The second mode is an on the web multiplayer where players can square
    off against each other across thee numerous levels of
    thee game.

  4. 6 febbraio 2016 at 01:20

    Dans le cas où vous avez le moindre problème
    derrière le Crack Clash of Clans Hypocrisie après l’avoir téléchargé, rien problème!

  5. 21 luglio 2014 at 18:20

    I think this is a cool example of what the ienerntt can do for people, and I’m sure it’s the general idea that you’ve promoted with Wiki stuff. Now if only I had an idea that was worth millions lol

  6. 6 luglio 2014 at 10:52

    That kind of opinion piece is alawys entertaining, people will argue until they’re blue in the face and it will increase the number of inbound links and visitors tenfold. Case in point. Some of his gripes are valid, it’s not that Apple is perfect, the company can be a shitty business partner for instance, but most of it is somewhat overblown in my opinion.Windows comes with IE, Mac OS X comes with Safari, and nowadays a web browser is bundled with every Linux distro. It’s not 1997 anymore, web access is a given and it better work out of the box. Safari is not the only choice on the Mac, there are so many, I don’t know where to begin. I prefer Firefox (because of the cool extensions), some people will prefer Camino (the Gecko rendering engine wrapped in a more Mac-like interface) or Opera, or another alternative browser using Safari’s rendering engine, like OmniWeb, or Shiira, whatever. Other apps are built on WebKit, too, like Adium, NetNewsWire, TextMate, etc. How is this monopolistic behavior and how does it hurt customers?iTunes is a cross platform app, Microsoft can port the Zune Marketplace and their own DRM solution on the Mac, anytime they want. The author is comparing the iPod and a full-blown PC, this is kinda odd. And yes he could install iPodLinux, the Rockbox firmware… He should also check Winamp (for iPod syncing). The part about ringtones is kinda strange. iPhone ringtones are not overpriced compared to the competition and all the money will go to a record label anyway. You can be sure that the labels will soon complain because they’d like to increase the price. NBC wanted to charge higher prices for its TV shows, bundling content and more restrictive DRMs. The so-called digital rights management are unfair to consumers and I think Apple is too slow to take action on such matters, so I don’t see how I could agree with NBC’s take.Different companies, not only Apple, are working on touchscreen mobile devices. It was already the case in the 1970-80s with the first personal computers (Apple II, Atari 400, Commodore PET, TRS-80…), and later with GUIs (Mac OS, Windows, Amiga Workbench, GEOS…). How is this surprising exactly? The underlying technology is ready and the components (touchscreens, power efficient CPUs, etc.) are available for mass production. Apple, Microsoft, Nokia and the like are not supposed to invent the wheel, the piston engine, or the first light bulb, they’re just supposed to put products into the hands of consumers everywhere. Some companies will be among the first to market with products incorporating new technologies but nobody will get a couple of years lead over competitors. The prototype of the LG KE850 was demonstrated like 3 months before the iPhone prototype. Oh noes! Let’s hang Steve Jobs, he’s a copycat! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *