SARTORI NON E’ “OMOLOGATO”

Nel suo articolo sulla prima pagina del Coriere della Sera del 17 giugno 2013 Giovanni Sartori ha avuto il raro coraggio di dire la verità su un tema dove impera il polically correct.

Senza peli sulla lingua il “non omologato” Sartori scrive a proposito del ministro per l’integrazione Kyenge Kashetu:  “Nata in Congo, si è laureata in Italia in medicina e si è specializzata in oculistica. Cosa ne sa di «integrazione», di ius soli e correlativamente di ius sanguinis?”

Già solo in un Paese buonista e provinciale come il nostro si può pensare di nominare ministro dell’integrazione un immigrato dal Congo, invece che un esperto del tema. E’ un pò come nominare alla protezione civile un terremotato anzichè un geologo.

Sartori ha osato dirlo. Il Corriere, per non esporsi, ha spostato l’articolo dalla sinistra, dove vanno i fondi, alla destra, ma l’ha pubblicato. Per ora non registriamo imbecilli che danno del razzista a Sartori, ma li aspettiamo.

2 comments for “SARTORI NON E’ “OMOLOGATO”

  1. Contra Currentem
    22 febbraio 2014 at 17:12

    Giovanni Sartori è uno degli ultimi grandi italiani rimasti,capace di prendere posizioni lontane dal “sentire”di masse addomesticate, nelle proprie convinzioni e nei propri valori, dal bombardamento massiccio dei media,e incapaci di vedere nel lungo termine le conseguenze delle decisioni prese nell'”oggi”.Le scelte scellerate che la politica sta facendo in fatto di immigrazione in questi mesi,avranno conseguenze gravissime per gli italiani.

  2. giorgio castriota santa maria bella
    22 giugno 2013 at 12:51

    Non si vuol capire che l’immigrazione dai paesi mussulmani e dal meridione del Magreb é molto pericolosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *