L’INTOLLERANZA VERSO LA RELIGIONE

In un interessante e documentato editoriale del prof. Galli della Loggia apparso su “Il Corriere della Sera” del 2 giugno crt.a. viene segnalata l’offensiva in atto in Europa da parte di gruppi atei nei confronti della religione cristiana.

Non è cruenta come quella che si ebbe con la rivoluzione francese e con quella comunista ma non è meno pericolosa perchè costituisce -a ben guardare- un gravissimo attentato alla libertà di pensiero e d’espressione. Il vietare. infatti, ad un ‘infermiera britannica di portare una croce al collo durante l’orario di lavoro o la decisione dell’Ordine dei Medici inglesi di avvertire i propri iscritti ad essere preparati

a mettere da parte le loro convinzioni religiose riguardo ad alcune aree controverse o-cosa molto piu’ grave – la sentenza di una Corte scozzese che ha imposto a due ostetriche di prendere parte ad un aborto effettuato da loro colleghe e così via (si veda il sito www.intolleranceagainstchristians.eu) che altro é ?

La scristianizzazione dell’Europa favorisce l’indebolimento della nostra Civiltà, che nessuno potrà negare abbia gran parte delle sue basi nella religione cristiana.

Il che, è, anche sotto il profilo meramente politico, pericolosissimo in considerazione della presenza nel nostro continente di masse di immigrati islamici.

Un indebolimento del credo cristiano significa, infatti, anche indebolire le basi della nostra civiltà a prescindere dai propri convincimenti religiosi. L’estremismo islamico non può che trarne vantaggio.

Ma anche questo altro non é,forse, che un ‘ altra manifestazione di un “cupio dissolvi “desiderio di por fine” dell’Europa nella nostra epoca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *