JUS SANGUINIS – JUS SOLI

Cécile Kyenge - Wikipedia Creative Commons

Cécile Kyenge - Wikipedia Creative Commons

Il progetto del neo Ministro per l’Integrazione volto a far introdurre nel nostro ordinamento il principio dello “Jus soli” ovvero il diritto per chi nasce in Italia di acquisire automaticamente la cittadinanza del nostro paese é molto pericoloso per il mantenimento della pace sociale.
Detto principio è, generalmente, in vigore in paesi (ad es. Sud Americani) dove nei secoli scorsi si voleva favorire l’espansione demografica perché si trattava di aree scarsamente popolate segnatamente da soggetti d’origine europea .Per contro il principio dello “jus sanguinis” é, in genere, stato adottato nei paesi sufficientemente o troppo popolati che, per conseguenza, non necessitano di avere nuovi cittadini. E’ questo il caso dell’Italia.

Il rischio dell’introduzione di un tale principio nel nostro ordinamento deriva dal fatto che la maggioranza degli immigrati, che potrebbe far acquisire la cittadinanza ai loro figli, è di religione islamica, fede che mal si concilia (é inutile nasconderselo) con le fondamenta del nostro ordinamento.

Inoltre dato che per la legge islamica un Mussulmano può avere fino a cinque mogli legittime é da attendersi un numero elevato di pargoli (in Italia ci sono già oltre 2 milioni di mussulmani). Si porrebbe poi la questione dei ricongiungimenti. I neo- cittadini italiani chiederebbero, con tutta probabilità, di far venire in Italia le consorti lasciate nel paese d’origine (fino a cinque secondo il diritto islamico) ed i relativi figli. Sarebbero anche difficile i controlli! C’é soprattutto il pericolo di massicci sbarchi di donne in stato interessante provenienti dal Nord Africa e dall’Africa Sub Sahariana. Probabilmente una marea!

E tutto ciò per favorire l’integrazione o le fila dei votanti i partiti di sinistra o dei prevedibili membri dei partiti d’ispirazione islamica che saranno molto probabilmente costituiti come avvenuto in altri paesi E questo non favorisce la pace sociale.

Siamo però fiduciosi che vi saranno parlamentari del centro-destra che comprenderanno il pericolo!

Altrimenti il Governo, frutto delle sinergie tra il centro-destra ed i centro-sinistra, rischia di fare la stessa fine del matrimonio tra una formichina(maschio) ed una formichina (femmina) che vollero far benedire il loro connubio da un sacerdote e a tal fine si misero l’uno sulla palma della mano destra del prete, l’altra sulla palma della mano sinistra del sacerdote. Terminato il rito il sacerdote, preso dall’entusiasmo, batté le mani gridando: “Viva gli sposi ” ma gli stessi, purtroppo, non erano più di questo mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *