CASO DEI MARO’ DETENUTI IN INDIA. IL NOSTRO MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI SI DICHIARA ALLIBITO

Alla notizia che la Corte Suprema dell’India aveva ancora procrastinato la pronunzia circa la competenza giurisdizionale dei tribunali indiani in merito al caso dei nostri due Marò detenuti da quasi un anno nelle prigioni indiani il nostro Ministro si é detto “allibito “.

Chi ha seguito la triste vicenda non ha certamente provato la stessa reazione dell’Onle Ministro bensì ha avuto un moto di rabbia verso il nostro titolare della Farnesina ed il Governo.

“Cartalibera ” ospitò, invero, due nostri articoli (“Rispettati se vuoi essere rispettato ” del 20 maggio 2012 e “Nubi fosche si stanno addensando sui nostri Marò detenuti in India ” del 20 luglio 2012) in cui criticavamo l’atteggiamento inane adottato dal nostro Governo, segnatamente del Dicastero deli Affari Esteri, nella faccenda (forma estremamente “morbida “; elargizione di una somma a titolo di solidarietà per i famigliari dei pescatori morti che suonava come un’ excusatio non petita accusatio manifesta; mancata ricerca di un forte sostegno internzionale, segnatamente da parte dei paesi dell’Unione Europea, nei confronti dell’India dato che i nostri marinai stavano svolgendo un’ azione di contrasto alla pirateria; mancato esercizio, vigoroso, di pressioni sotto altri profili quali i rapporti economici bilaterali ; richiamo del nostro Ambasciatore a Nuova Delhi per consultazioni etc.) . Ricordavamo anche lo schiaffo ricevuto dal Governo brasiliano con il rifiuto dell’estradizione del pluri-omicida Cesare Battisti ed altri precedenti umilianti per il nostro Paese che -evidentemente- é considerato nei fori internazionali un ottimo “incassatore “.

Concludavamo i due articoli formulando forti timori per la sorte dei due Marò ed auspicavamo, onde evitare il peggio, un’azione piu’ vigorosa delle nostre Autorità e la mobilitazione dell’opinione pubblica.

Purtroppo nutriamo il timore che eravamo nel giusto !Occorre, a questo punto, una fortissima mobilitazione popolare !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *