MAURO DELLA PORTA RAFFO – WHITE HOUSE 2012

Mauro della Porta Raffo

WHITE HOUSE 2012

Introduzione

Riuscirà Barack Obama a riconquistare la Casa Bianca o, seguendo le tristi orme di Jimmy Carter e Bush padre, avendo ampiamente fallito, dovrà lasciarla dopo soli quattro anni?
Riuscirà il partito repubblicano a riportare in sella uno dei suoi?
Certo, la crisi economica è grave anche negli USA.
Certo, la storia ci dice che mai nessun presidente si è visto confermare l’incarico con un tasso di disoccupazione pari o superiore all’otto  per cento ed oggi qualcuno sostiene che tocchi addirittura il dieci.
Certo, tra i rivali Gop serpeggia l’idea che alla fine chi tra loro otterrà la nomination sarà a cavallo tanto Obama appare fragile.
Ma, a ben guardare, Mitt Romney, il favorito tra loro e a mio modo di vedere il miglior possibile candidato, se prescelto, avrà non poche difficoltà a compattare il partito recuperando la sempre decisiva ala destra e, in particolare, gli Evangelici e i ‘Tea Party’.
A tal fine, da ‘repubblicano del cuore’, presuntuosamente?, ho steso un appello rivolto agli or ora citati signori, appello che qui riproduco. “Il 16 gennaio 2008, agli albori della campagna per la scelta attraverso primarie e caucus del pretendente repubblicano a White House, pubblicavo un  articolo intitolato ‘Mitt Romney, il candidato perfetto’.
Dal 1956, non mi era mai capitato di puntare nelle presidenziali americane su un cavallo perdente e contavo di vincere anche in quella occasione.
Non è andata e quando, sconfitto Romney da McCain e arrivato Obama alla Casa Bianca, qualcuno ebbe a sottolineare la mia errata previsione, risposi che non io
avevo sbagliato ma il popolo americano.
La storia mi ha dato ragione ed ecco che Mitt è ora in testa nei sondaggi, si avvia a vincere le primarie e tutti ritengono possa facilmente prevalere sul presidente in carica.
Ma c’è un problema: uomo della destra economica, Romney ha difficoltà a fare breccia tra i ‘duri e puri’ del ‘Tea Party’ e tra i decisivi Evangelici.
Lancio, qui e adesso, un appello al quale chiedo di aderire a tutti gli amici italiani che ben si rendono conto della assoluta necessità di un tale ricambio a White House, un appello rivolto a tutte le componenti repubblicane USA e in particolare ai predetti ‘Tea Party’ ed Evangelici perché spazzino via dubbi e incertezze e, compatti, si schierino per Mitt.
La ‘traversata del deserto’ voluta scegliendo di non appoggiare McCain ha dimostrato ampiamente che il campo democratico, come quasi sempre è accaduto, non è in grado di ben governare.3
E’ il momento di ricompattare le fila GOP e vincere. Gli Stati Uniti e il mondo hanno bisogno di una guida forte e sicura.
Non perdete, amici, non perdiamo l’occasione!”
Tornando a noi, i giochi sono da mesi in corso in casa Gop e dal 3 gennaio, in Iowa per il primo tradizionale appuntamento, si comincerà a fare sul serio.
.
Novembre 2011
.
Share

3.681 comments for “MAURO DELLA PORTA RAFFO – WHITE HOUSE 2012

  1. Pingback: 메이저놀이터
  2. Pingback: buy money online
  3. Pingback: Low carb recipes
  4. Pingback: Pleasure
  5. Pingback: greyhound betting
  6. Pingback: 바카라사이트
  7. Pingback: 예스카지노
  8. Pingback: 안전놀이터
  9. Pingback: Red Tea
  10. Pingback: 온라인바카라
  11. Pingback: gvg 918
  12. Pingback: tobacco
  13. Pingback: exterminators
  14. Pingback: 베트맨
  15. 8 Luglio 2019 at 08:54

    Weak things united become strong.

  16. Pingback: 먹튀 폴리스
  17. Pingback: 토토 사이트
  18. Pingback: p
  19. Pingback: health

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *