Mese: settembre 2011

Dagli amici mi guardi Iddio chè dai nemici ci penso io

I proverbi non smentiscono mai la loro saggezza.

E’ questo il caso ove si consideri il comportamento delle autorità tedesche nell’attuale, tremenda crisi finanziaria. Sono stati, infatti, irresponsabili le ripetute dichiarazioni della Cancelliera Merkel e di alti esponenti tedeschi del Governo di Bonn e negli organismi europei (ad es. il Commissario per l’Energia della Commissione Europea, Ottinger, tra l’altro in una materia non di sua competenza)

Berlusconi: gossip invece che informazione sui quotidiani

“E’ consentito, sul Corriere, scrivere qualcosa di diverso, dissentire riguardo alla ‘questione Berlusconi’?
E’ consentito dire che non se ne puo’ piu’?
Ma perché i giornali – in prima fila, appunto il Corriere – ci bombardano da anni ed anni con notizie che tali non sono, ci informano sui gusti e le abitudini sessuali del premier?

La fine di un’era

E’ venuto, credo, il momento per guardare in faccia una realtà decisamente allarmante, non solo per la nostra Italia, ma per tutta l’Europa e – con pochissime eccezioni come l’Australia– per l’intero Occidente. Per farlo, ometterò di proposito i (pochi) elementi positivi oggi riscontrabili, e insisterò sui lati più negativi dei mesi che ci aspettano, che presentano pericoli non ancora ben delineati, sul piano economico, politico e anche sociale; ciò naturalmente, non impedisce di sperare nel noto stellone, che ci è già venuto in soccorso tante volte.

Cosa c’entrano i controlli fiscali con un parcheggio abusivo?

Uno strano giro di vite quello annunciato dagli assessori di Milano Pier Maran (mobilità) e Marco Granelli (sicurezza): controlli fiscali a chi parcheggia sulle strisce riservate ai disabili senza averne diritto. A prima vista una decisione strappa-applausi. Chi infatti non vuole il pugno di ferro contro un comportamento antisociale del genere? E infatti chi ha redatto il codice della strada ci aveva già pensato: sanzione maggiorata rispetto al semplice divieto di sosta e due punti decurtati dalla patente. Ma evidentemente non basta.