Come accadde sul Titanic ?

I passeggeri di quel transatlantico  ,consapevoli dell’imminente  naufragio  e dell’inevitabilità dell’evento , continuarono  a ballare fino alla fine.

Ci sembra  che  gli  Italiani  o ,sicuramente , la loro classe  dirigente   si comportino allo stesso modo .

La speculazione internazionale attacca  la nostra economia ,gli scandali si succedono  sia tra le fila  del centro-destra che  tra quelle dei partiti di sinistra   ,  è stata  approvata una manovra  che  sembra   far  sostenere  i sacrifici necessari solo  alla popolazione ma non ai c.d. rappresentanti del popolo  a livello sia   nazionale  che locale( e in questo  si è raggiunta ,complice la notte, l’unanimità di  tutte le forze  politiche)  . E questo è  un fatto  molto grave perché è   una  manifestazione di egoismo e d’insensibilità che accresce la sfiducia  dei cittadini (ed anche dei mercati ) nei confronti   della nostra classe dirigente.E’ anche ,in ultima analisi ,il segno dell’incapacità di  pensare al bene del Paese e ,come scrivemmo di recente (v.”Ce la faranno i nostri eroi …? ” in “Cartalibera “ del  28 giugno  u.s. ), la  prova  dell’avvenuto radicamento nella nostra  società  di una forma diffusa di disonestà  che ci  può  condurre  in tempi brevi alla  decadenza.

Occorre perciò  un sollecito  colpo d’ali  . E’ cioè  impellente    dare agli   Italiani ed ai mercati   un segno non  equivoco  di riscossa  soprattutto morale .

Dato che i tempi stringono poiché gli speculatori sono  sempre  alle poste    si dovrebbe  innanzi  tutto   procedere  immediatamente alla sostituzione   del  titolare  del Ministero della Giustizia  ed alla nomina di quello degli Affari Europei  scegliendo  persone  ,anche  non parlamentari ,d’indiscusse  qualità .

In secondo luogo – cosa piu’ importante- il Primo  Ministro dovrebbe  rassegnare le dimissioni dopo essersi ,però,assicurato che  il timone   vada in mani giuste.   Il suo  sacrificio  sull’altare  del principio  che ”Salus  reipublicae suprema lex  esto “ (= la salvezza dello Stato  sia la prima legge ) ,di cui  facemmo cenno  nel nostro  scritto del 9 giugno u.s.  (“ Mala tempora currunt –Che fare ?”  in “Cartalibera “ ), verrebbe , infatti, apprezzato all’interno ed all’estero   ,gli arrecherebbe  probabilmente  anche vantaggi    per quanto attiene alle sue  faccende giudiziarie e  contribuirebbe   sicuramente a rasserenare il clima politico    e ,per ciò stesso , a  calmare gli attacchi speculativi verso  il nostro Paese e  ,per conseguenza,  a  favorire   la ripresa  economica   (nonché  a rasserenarlo  personalmente con  vantaggi per la salute ).

Sarebbe   un  gesto  meritevole di stima  che farebbe  dimenticare  i suoi non pochi  errori e di cui il  popolo italiano gli sarebbe grato.

Il problema  principale   affinché  una tale ipotesi  possa concretizzarsi  è ,però , la scelta del successore.Questi dovrebbe essere ,infatti, persona   molto autorevole   e disposta ad accollarsi  un compito da “far tremar le vene e i polsi “. Non  ce ne sono  molti in circolazione !
E’ da sperare tuttavia che    ci sia ancora  qualcuno  che  “vincet amor patriae  , laudumque  immensa cupido “(=vinca l’amor di patria  e la brama delle lodi ).  Soprattutto l’amor patriae !

Share

2 comments for “Come accadde sul Titanic ?

  1. giorgio castriota santa maria bella
    10 settembre 2011 at 18:41

    L’insulto non è un argomento forte.
    Chi ha scritto questo articolo ha solo espresso un’opinione. Quanto a lavoro segnalo che lo stesso é stato assistente universitario ,funzionario internazionale e dirigente .

  2. anita
    31 agosto 2011 at 12:04

    non mi piace. Non vi capisco più. Io sono nata libera e LIBERA sono anche da questi articoli scemi. All’estero il ns. primo ministro è molto apprezzato. Dei vantaggi non ne ha bisogno, è l’unico che combatte sempre in prima persona. La ripresa economica non dipende solo da lui. Se non ha potuto mantenere tutte le promesse è perchè è circondato da troppa gente sciocca come colui che ha scritto l’articolo. Preoccupatevi di lavorare bene e tanto e prima di scrivere sciocchezze, collegate il cervello. Tutti facciamo errori perchè nessuno di noi è perfetto, ma voler condannare una persona che tra i difetti ha molti pregi, significa che l’unico consiglio che vi propongo è entrare nelle file di Di Pietro o Bertinotti. Quello è il vs. posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *