I grandi navigatori (o i riciclati)

Nel corso della storia innumeri sono stati i personaggi che hanno  avuto il grande talento, fiutato il nuovo vento, di rifarsi una verginità e, come si suol dire, di “riciclarsi” con successo.

Ricorderemo, per esempio, i vari esponenti della classe dirigente bonapartista che, caduto Napoleone I, riuscirono ad avere importanti incarichi e perfino titoli nobiliari con la Restaurazione.

Per restare in Francia Francois Mitterand, militante, prima dell’ultimo conflitto mondiale, in una formazione di estrema destra, fu funzionario nel  governo di Petain ma verso la fine della guerra sembra abbia collaborato con il “maquis”, i  partigiani francesi. Fatto gli è che nel dopoguerra non fu epurato. Militò quindi nel partito radicale, poi in quello socialista, fu ministro e nel 1981 venne eletto Presidente della Repubblica. Per continuare a mantenere buoni  rapporti con tutta  la “gauche” (soprattutto con il P.C.F.  ma anche  con le altre  formazioni di sinistra europee ) elaborò e fece applicare la c.d. “dottrina  Mitterand” in base alla quale, in pratica, i terroristi, purché di sinistra, rifugiati in Francia  sono considerati dei  perseguitati per le loro idee e, per conseguenza, non estradabili. Una ventina di Italiani hanno beneficiato e tuttora  beneficiano di questa c.d. “dottrina”. Emblematico il caso del pluriomicida e pluricondannato  Cesare Battisti.

Nel nostro paese nell’immediato dopoguerra  molti intellettuali, ex–fascisti, (alcuni avevano  anche  vinto i  Littoriali  della Cultura), colpiti come S.Paolo sulla via di Damasco, si iscrissero subito al P.C.I. che, quando gli faceva comodo,  aveva adottato l’esortazione contenuta in quella bella canzone napoletana ( il titolo dovrebbe essere “Munastero e’ Santa Chiara”): “scurdammece o’ passato” !

Tale esortazione è stata fatta propria da un cittadino partenopeo, Giorgio Napolitano, uno degli esponenti di spicco del Partito Comunista Italiano e della c.d. corrente migliorista, che si è trasformato nel corso degli anni, peraltro senza   rinnegare  formalmente il proprio credo passato, in un patriarca della democrazia europea. Si è così inchinato davanti  alle foibe, opera degli allora cari compagni jugoslavi, e gli scorsi giorni ha partecipato, compunto, a Roma all’inaugurazione di un monumento ad Alexander Dubcek, lo statista cecoslovacco protagonista della “Primavera di Praga”, il tentativo cioè di trasformare il regime comunista di tipo sovietico in un sistema simile ad uno socialdemocratico, tentativo fallito per l’intervento nel 1969 delle truppe sovietiche e del Patto di Varsavia nel corso  del quale Dubcek  fu arrestato e portato a Mosca, poi espulso dal partito comunista cecoslovacco. Chi ha buona memoria ricorda però che il compagno Napolitano scrisse allora che l’invasione della Cecoslovacchia aveva impedito l’insediamento in quel paese di un regime controrivoluzionario cioè di tipo, in sostanza, fascista. Merito quindi ai compagni sovietici per aver  salvato la Cecoslovacchia da tale pericolo!

Sempre  Giorgio Napolitano e sempre sull’Unità vergò un articolo di approvazione per l’espulsione dalla Russia nel 1974 del premio Nobel Alexandr Solgenitsyn, che  aveva trascorso ben otto anni ai lavori forzati e tre al confino. Evidentemente se li era meritati in quanto dissidente! Era quindi giusto espellerlo!

Conclusione: onore ai navigatori tanto i popoli dimenticano facilmente e, comunque, “nihil sub sole novi”.

4 comments for “I grandi navigatori (o i riciclati)

  1. 21 luglio 2014 at 19:30

    John Byrnes- both your points and blog are very istirenteng (readers, it’s worth checking it out) and we agree with most of what you’re saying. Behavioral means of detection appear to be one of the really promising areas to explore as part of the broader security picture, but it won’t be a foolproof system (nor will any other).Certainly, Hope n’ Change doesn’t advocate ethnic profiling as a sole method of looking for terrorists. Profiling – ethnic or otherwise – is a useful tool, though, and not one we can afford to discard. But the aggression assessment techniques you’ve described could certainly help make any screening process more effective.

  2. 6 luglio 2014 at 22:24

    This very topic was the subject of my own last seemster. I, like many in our government, took an oath to uphold the Constitution. Sadly, those serious about upholding such principles are in a dwindling minority. The current administration and Congress, as well as those before it, have well demonstrated such to be the case.Janet Napolitano’s position itself is crafted from the ashes of an increasingly meaningless Bill of Rights. Her assertion that citizens of the United States have some duty to report anything, draws attention to her detachment from reality. Do I feel safer knowing that the Obama administration is carrying on the paranoid fantasies of their predecessors? I feel no different at all, though I expected business as usual to remain the same.Keeping our rights, all of them, safe from government overreach will be a challenge for the foreseeable future.

  3. 13 luglio 2012 at 20:19

    bravo ciprano

  4. 13 luglio 2012 at 20:15

    come e’ strana l’italia,napolitano ha dichiarato che non ha capito nulla quando era giovane con l’invasione dell’ungheria.non ha capito nulla quando era maturo con l’invasione della cecoslovacchia. ma quando sono diventato vecchio mi hanno eletto presidente della repubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *