Anno: 2011

Presentazione del libro “Americana”

Mercoledì 11 gennaio 2012 alle ore 18.00, presentazione del libro “Americana” di Mauro della Porta Raffo, organizzata da “Cartalibera”  presso il Salone degli Affreschi, Provincia di Milano, Corso Monforte 35.     Scarica l’invito Cliccando QUI sono visibili tredici videointerventi di…

IL CORRIERE DELLA SOLA

Diceva Samuel Butler: “non mi preoccupa mentire, ma odio l’inaccuratezza”. Magari si potesse dire lo stesso del “Corriere della Sera”, divenuto ultimamente, soprattutto nella sua versione online, di una inaccuratezza che inclina alla menzogna. Inaccuratezza posta, ovviamente, a servizio della Divinità di riferimento del “Corriere” di questi ultimi anni, il Politicamente Corretto. Vediamo qualche esempio. Poiché è p.c. aizzare all’odio contro gli evasori, ecco apparire il seguente cubitale titolo: “Evasione Fiscale quintuplicata negli ultimi trenta anni”.

L’ESEMPIO VINCENTE DEL CILE DI PINERA NELLA RIFORMA DELLE PENSIONI

Non possiamo negarlo. Il decreto salva (o affonda, a seconda dei punti di vista) Italia del Governo Monti non ha fatto piangere solo la ministra Fornero, ma probabilmente un altro paio di milioni di italiani: giovani preoccupati per il loro futuro, uomini e donne preoccupati per il loro presente, e qualche centinaia di migliaia di imprese, costrette a mantenere per altri 4, 5, 6 anni dipendenti dei quali avrebbero fatto volentieri a meno, soprattutto in questi tempi di crisi.

GOLD BLESS THE PRIME MINISTER: CAMERON ULTIMO EROE CONTRO LA TOBIN TAX

La Tobin Tax fu ideata dall’ominimo economista James Tobin negli anni 70, la proposta era quella di tassare dello 0.1% tutte le transizioni finanziarie, e destinare i proventi della tassa, a piani di sviluppo economico-sociale per paesi che si trovavano in situazioni di povertà estrema.

Per tutti questi anni, la proposta di Tobin e’ rimasta inascoltata e, a dire il vero, anche poco pubblicizzata, fino a che non è arrivata ai tavoli di discussione degli Euro-Boss.

IUS SANGUINIS E IUS SOLI ?

Qualche settimana fa , il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, durante una cerimonia dedicata ai “Nuovi cittadini italiani” ha parlato di concedere la cittadinanza italiana ai figli degli immigrati che nascono in Italia ed ha usato parole molto forti in questo senso. “Negarla è un’autentica follia , un’assurdità. I bambini hanno questa aspirazione”.

In sostanza ha indicato e proposto il principio dello ius soli (cioè l’acquisizione della cittadinanza del luogo di nascita), rispetto allo ius sanguinis, legato all’origine dei genitori, come prevede oggi la legge.

NONOSTANTE LA CRISI FINANZIARIA E LA RECESSIONE , C’E’ UNA PICCOLA NOTA POSITIVA

In un recente convegno organizzato dalla Fondazione Edison e dall’Accademia dei Lincei su “L’industria nella costruzione dell’Italia unita” è emerso un dato sicuramente positivo.

Sono i dati relativi all’export delle “quattro A.”.

Cosa sono : sono quelle nicchie produttive che gli economisti definiscono le “Quattro A del made in Italy”, cioè Abbigliamento-moda; Arredo-casa; Alimentari-vini e Automazione-meccanica.-gomma-plastica. (Di questi settori ne abbiamo già parlato su Cartalibera qualche tempo fa).

“LA C.D. PRIMAVERA ARABA SI STA TRASFORMANDO IN UN INVERNO PER LA DEMOCRAZIA?”

“Carta Libera” ospitò il 14 ottobre u.s. un nostro articoletto dal titolo “La primavera araba è già finita?” in cui manifestavamo forti dubbi circa le probabilità dell’avvento di regimi effettivamente democratici in Egitto, Libia, Tunisia (il Marocco non aveva ancora deciso di procedere ad elezioni).
A distanza di quasi due mesi la situazione delineatasi in quell’area sembra,purtroppo, confermare i nostri timori.
Le elezioni svoltesi in Tunisia e Marocco,infatti, hanno visto l’affermazione,anche se con percentuali diverse, di partiti d’ispirazione islamica. In Marocco i risultati elettorali potrebbero avere un’incidenza meno negativa sul processo di democratizzazione del paese grazie all’influenza moderata del Sovrano che gode di un notevole prestigio tra la popolazione.

EVASIONE FISCALE: QUALCHE CONSIDERAZIONE

Unitamente alla diffusa corruzione nei vari settori della pubblica amministrazione ed al controllo del territorio da parte della malavita organizzata che,malgrado gli encomiabili successi conseguiti dalla Magistratura e dalle Forze dell’Ordine, è ancora presente in misura massiccia in intere Regioni del Meridione con preoccupanti infiltrazioni in quelle settentrionali, con i danni che ne conseguono (mancato sviluppo, evasione fiscale, corruzione), l’evasione fiscale rappresenta, senza ombra di dubbio, uno dei principali ostacoli che si frappongono al raggiungimento dell’equilibrio dei conti pubblici del nostro paese.