Egidio Sterpa: Requiescat in Pace

(pubblicato su www.chicago-blog.it)

Poche ore fa è morto in un ospedale milanese Egidio Sterpa, giornalista e uomo politico, che ha legato il suo nome soprattutto al Giornale di Indro Montanelli – insieme al quale nel 1974 lasciò il Corriere della Sera, in dissenso con la linea progressista di Piero Ottone – e al Partito liberale degli anni Ottanta.

I miei ricordi personali risalgono proprio a quel periodo, quando Sterpa – entro il Partito liberale guidato prima da Valerio Zanone e poi da Renato Altissimo – era il principale interprete di un’opposizione liberal-conservatrice che guardava più a Ronald Reagan che a Beveridge, più a Margaret Thatcher che a Keynes. In quegli anni assai grigi che vedevano il Pli ormai prigioniero di miti vagamente azionisti, impegnato a rincorrere goffamente le posizioni progressiste e radical-chic della sinistra salottiera, quella minoranza liberale provò (senza grande successo) a interpretare una linea culturale realmente anticonformista, nella speranza che potesse rovesciare gli equilibri interni.

Entrato in parlamento quale espressione della comunità informale che in quel periodo leggeva il Giornale e lo portava sottobraccio come un simbolo di appartenenza, all’interno del partito egli propose allora una prospettiva più liberista, più orientata a tutelare la società dallo Stato e a proteggere il mercato da pianificatori e regolatori; e già il fatto di avere tentato tutto ciò depone a suo favore.

C’è un ricordo, tra tutti, che in questo momento s’impone. Ed è legato a una settimana di studi che Sterpa e i suoi amici organizzarono a Spoleto, a metà degli anni Ottanta. Dal 4 all’8 marzo del 1985, infatti, alcuni studenti universitari provenienti da varie parti d’Italia e un gruppo di docenti liberali (Paolo Armaroli, Antonio Martino, Vaclav Belohradsky, Rosario Romeo, Raffaello Franchini, ecc.) si riunirono per riflettere, dialogare, discutere. Nell’Italia di quegli anni i think-tank non esistevano, e nemmeno le Summer School. La politica della Prima Repubblica si nutriva essenzialmente di posti di sottogoverno e spartizioni di potere. Che ci fosse qualcuno interessato alle idee era già, sotto certi punti di vista, un piccolo miracolo.

Di quel seminario ho conservato un piccolo taccuino, e mi piacerebbe trascrivere qui, per i lettori di Chicago-blog, proprio alcune righe degli appunti riguardanti l’intervento iniziale, con cui Sterpa aprì i lavori:

“Il liberalismo post-socialista è l’emergere dell’individualità dopo decenni di collettivismo (fascismo, socialismo, solidarismo, ecc.). La rivolta contro la previdenza e contro la sanità di Stato sono segni evidentissimi.

Ciò che viene ripensato è il ruolo dello Stato. E, per la prima volta, questi fermenti sono rintracciabili in ogni strato sociale.”

Sono parole che dovettero suonare, di fronte a quei ventenni che avevano quasi solo marxisti tra i propri migliori compagni di università, davvero forti e ricche di stimoli. Era insomma una lezione importante.

Più che per le sue cariche pubbliche (parlamentare o ministro) mi piace ricordarlo allora per quelle suggestioni che ebbe l’ardire di indirizzare a un gruppo di ventenni, che simili idee – nell’Italia di allora – avevano ben poche possibilità di incontrare.

5 comments for “Egidio Sterpa: Requiescat in Pace

  1. 20 febbraio 2016 at 04:44

    Wow that was odd. I just wrote an very long comment but after I clicked
    submit my comment didn’t appear. Grrrr… well I’m not writing all that over
    again. Regardless, just wanted to say wonderful blog!

  2. 19 febbraio 2016 at 21:42

    you are in point of fact a just right webmaster.
    The web site loading velocity is incredible. It kind of feels
    that you’re doing any unique trick. Furthermore, The contents are masterpiece.
    you’ve done a wonderful process on this matter!

  3. 27 ottobre 2014 at 12:13

    The just-completed Champions Trophy in South Africa won praise from teams, having been streamlined from previous versions.

  4. 21 luglio 2014 at 19:01

    Spiralling levels of AIDS, ranmapt promiscuous sex, STD’s, teenage pregnancies, abortion, breakdown of family life etc… WHEN WILL THE SECULAR WORLD EVER LEARN??? CONDOMS ARE THE PROBLEM NOT THE SOLUTION. THEY DO NOT WORK AND ESPECIALLY NOT AGAINST THE AIDS VIRUS. WHY? BECAUSE THESE VIRAL PARTICLES ARE SMALL ENOUGH TO PASS THROUGH THE PORES IN THE RUBBER, AND THAT’S ASSUMING THE DAMN THING DOESN’T FALL OFF ETC…The Pope is spot on and of course the wise teaching of the Catholic Church is timeless, borne of 2000 years of experience and pastoral care for the sick and needy, both in body, mind and spirit.50 and more years of banging on about condoms, sex education and yet more condoms has brought us to where we are at the moment – in absolute dire straits! ‘The fire is out of control’ so the Planned Parenthoods of this world shout ‘more condoms and more sex-ed’ which is nothing more than pouring petrol on the fire! And it is costing a fortune, whereas to change behaviour, attitudes, hearts and minds doesn’t need to cost anything at all. And that’s the problem – IPPF et al fear that unless they are providing condoms and abortions to everyone they will go bust! Frankly the sooner the better as for sure the world will be a far better place without them and their murderous ilk!Papa Benedict speaks the Truth, but of course satan doesn’t like this so as master of the secular media he lets rip! I am sure our beloved Pope is unflustered by this media ‘noise’, it’s only to be expected. But the Truth needs to be proclaimed from the rooftops.Africa must protect all it’s children, those born and those as yet unborn because there lies Africa’s future.

  5. 6 luglio 2014 at 15:50

    mas se pede comente1rios sobre a sua conula de elos ente3o segue apelo: ordem alfabe9tica, para melhor consulta e utilizae7e3o. Ou outro qualquer crite9rio de arrumae7e3o, sff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *