La crisi e il ruolo della Federal Reserve

Non sbaglia il finanziere Francesco Micheli quando dichiara che l’attuale crisi non è di natura finanziaria, ma economica e nasce dal grande deficit commerciale americano.

I tassi reali negativi che abbiamo visto per anni negli Stati Uniti rendevano conveniente per gli americani indebitarsi. Una situazione che ha sì contribuito a generare una crescita tumultuosa a cui però, come successo svariate volte in passato, è seguito un inevitabile crollo; questo ciclo che ha colpito non solo gli Stati Uniti, è stato alimentato dalla politica monetaria della Fed guidata da Greeenspan fino al 2006 ed attualmente dal barbuto  Bernanke.

Non ci sono dubbi ormai nel rilevare che tanto più elevato è il grado di eccessi monetari e maggiore, se non inevitabile, è anche il rischio che si creino bolle speculative, l’Ocse stessa ha presentato una relazione con un’impressionante mole di dati a sostegno di questa tesi.

Gli effetti del ciclo di espansione e crollo sono stati amplificati da svariati fattori, innanzitutto un tasso d’interesse straordinariamente ridotto ha favorito il ricorso a mutui subprime e a tasso variabile ed ha altresì portato ad un’eccessiva e generalizzata propensione ad assumersi rischi. È interessante notare come il numero delle insolvenze nel pagamento dei mutui e il pignoramento degli immobili  sia inversamente proporzionale all’inflazione del prezzo delle case. La frequenza di questi episodi quindi si è notevolmente ridotta negli anni in cui i prezzi delle abitazioni stavano crescendo con grande rapidità, il che ha verosimilmente avuto la conseguenza di sconvolgere i programmi di concessione di mutui.

I diversi tipi di mutuo (a tasso variabile, subprime e di altro genere) sono stati poi “cartolarizzati”, ossia strutturati in pacchetti di obbligazioni estremamente complessi e le agenzie di rating, sulle cui valutazioni ci sarebbe molto da dire, hanno sottovalutato il rischio connesso a questi titoli.

Anche altre azioni delle autorità hanno svolto un ruolo: le imprese pubbliche Fannie Mae e Freddie Mac sono state spinte a espandere l’uso e ad acquistare obbligazioni garantite da mutui, compresi quelli contenenti i mutui subprime più rischiosi.

L’eccesso di  moneta con cui la Fed ha inondato l’economia ha anche causato l’esplosione del mercato dei derivati che nel periodo 2002-2008 è quintuplicato arrivando alla cifra di 684.000 miliardi di dollari.

Queste azioni hanno così innescato un’enorme bolla che ha cavalcato la tigre dei titoli cartolarizzati garantiti da mutui e infine è sprofondata sotto i colpi d’un mercato che, prendendosì la rivincita sull’enorme distorsione in atto, ha fatto tabula rasa rispetto ai valori gonfiati degli anni precedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *