E’ inutile sperare. Le Province continueranno a esistere.

Condivido i contenuti dell’articolo “Perché non aboliamo le Province?”, però, a dir la verità, alla luce dell’attuale quadro politico, mi sembra un articolo un po’ velleitario. Personalmente sono molto scettico. E’ inutile sperare. Le province continueranno a esistere. Lo prevede la stessa riforma di Calderoli sul federalismo e lo ha ribardito nei giorni scorsi anche il ministro Maroni.

Anche chi, come la Lega, cioè un movimento politico che tuona contro Roma ladrona è la prima a mettere il freno e a puntare su tante piccole capitali locali per gestire il proprio elettorato; quindi anzichè ridurre il numero delle province si continua ad aumentarle. Il caso più macroscopico è quello della Sardegna che nel solo 2005 ha istituito quattro nuove province con dimensioni territoriali e popolazione molto modeste. Su un blog in cui si discuteva del problema ho letto queste considerazioni che condivido pienamente: “L’Italia, purtroppo, non cambierà mai perchè lo stato di dipendenza degli interessi tra potere politico nazionale e locale con quelli di chi vive grazie all’esistenza di enti inutili, quali appunto le province, è talmente radicato da essere inaffondabile. La tristezza è che il federalismo così concepito non porterà alcun beneficio a chi non vive “nel giro” ovvero all’Italia produttiva proprio perchè non si renderanno disponibili risorse anzi forse diminuiranno. La polemica è nata dal fatto che la Lega Nord vede in quelle istituzioni un fattore di autonomia e quindi s’è opposta alla proposta di Silvio Berlusconi di cancellarle.
La posizione di Umberto Bossi discende pure dal fatto che la provincia rappresenta un dato storico rilevante, con una consistenza identitaria ben definita. Ma il problema di cui qui si discute è di altra natura, dato che ormai tali istituzioni sono assai costose pur avendo competenze limitatissime, occupandosi quasi soltanto di una parte degli edifici scolastici e di strade minori.”

Nell’era di Internet il desiderio (o il delirio) di un localismo identitario, anche contro il buon senso, ha ancora una efficacia per il consenso.

Share

2 comments for “E’ inutile sperare. Le Province continueranno a esistere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *