Votiamo Berlusconi

Veltroni non è l’uomo nuovo. E’ un vecchio politico, neppure riciclato – anche se sembra soffrire di amnesie. E’ in politica da ben prima di Berlusconi, ha fatto l’intero cursus honorum nel PCI, poi PDS, poi DS, poi Partito Democratico, rappresenta la continuità con Prodi (è stato addirittura ministro nel suo precedente governo). Veltroni è il leader del partito di maggioranza del governo. E’ dunque corresponsabile dell’aumento della pressione fiscale e dell’azzeramento della crescita del Paese, che ci vengono lasciati in eredità. Domenica votiamo Berlusconi! Non ci illudiamo che realizzi la rivoluzione liberale di cui il Paese avrebbe bisogno, ma crediamo che abbia imparato dai suoi errori e la sua “terza volta” sia quella buona per avere il coraggio di fare almeno alcune delle riforme liberali necessarie nel campo dell’economia, del lavoro, dell’istruzione, della giustizia, dell’ambiente e del welfare. Del resto se avrà la maggioranza alla Camera e al Senato non avrà alibi. Non potrà dire che è Casini che non gli consente di liberarsi dei lacci dello statalismo. Non ci piace questo sistema elettorale in cui l’elezione non è garantita dal voto dei cittadini ma dai capi partito e non ci piacciono molti dei candidati presentati per la mancanza di spessore politico e culturale, ma è importante andare a votare. Questa volta ne potrebbe uscire anche un bipartitismo salutare per il Paese. Vinte le elezioni, ci impegneremo per aumentare il tasso di liberalismo del Popolo della libertà. Per farlo efficacemente dobbiamo essere presenti nelle diverse sedi politiche e culturali, portando i nostri valori, i nostri ideali, la nostra identità di liberali veri. “Cartalibera” ci sarà.

1 comment for “Votiamo Berlusconi

  1. 6 luglio 2014 at 16:19

    Play iniromatfve for me, Mr. internet writer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *