I motivi per dire “no” a Walter

Dodici motivi per non votare Veltroni.

Uno

Perché, per grandi linee, il suo programma è molto simile a quello dell’ormai defunta Casa delle Libertà e, come dice Fini, “è meglio l’originale della fotocopia”.

Due

Perché è difficile che mantenga un programma uno che ha detto che si sarebbe ritirato a vivere in Africa, ed invece sta ancora qui, dopo aver trasformato – forse per non tradire del tutto la sua parola – la capitale d’Italia da lui amministrata in una sorta di foresta nera.

Tre

Perché ha detto di non essere mai stato comunista ed allora spiegateci perché uno che non vuole Berlusconi, dovrebbe votare per uno che non è mai stato comunista. Ed allora cosa è stato? Buddista? Khomeinista? Licantropo?

Quattro

Perché se uno non è mai stato comunista, ma ha diretto l’Unità (dando vita peraltro all’iniziativa geniale di allegare un film al quotidiano) rischia di essere come il personaggio interpretato da Alberto Sordi in “Troppo Forte”, quello che un giorno è avvocato e il giorno dopo pensa di essere coreografo. Che figura faremmo se arrivasse Sarkozy a palazzo Chigi e Veltroni fosse convinto di essere un regista e – soprattutto – di non essere mai stato premier?

Cinque

Perché giusto ieri, su Radio Uno, parlando di politica estera ha detto che punterà tutto sulla multilateralità: non abbiamo capito bene cosa intendesse, ma sospettiamo che significhi andar d’accordo con tutti, continuando – di conseguenza – a far entrare tutti sul nostro territorio. E, magari, anche a vendere le armi a chiunque ne avesse bisogno per una guerra. Il tutto, ha aggiunto, rimanendo amici degli americani. I quali, però, sulla carta sembrano molto meno multilaterali di noi.

Sei

Perché ha rilanciato il tema dei Di.co., dimenticando di proposito quanto sia ferma sulle proprie posizioni la Binetti. E più generale, mettendo insieme il diavolo e l’acqua santa, ha creato i presupposti per una coalizione che non potrà reggere a lungo.

Sette

Perché ha amministrato per sette anni la città di Roma, fregando i romani con i giochi circensi: a livello di spettacoli, ha fatto di tutto, a parte riaprire il Colosseo e metterci i cristiani da dare in pasto ai leoni. Magari avrebbe fatto pure questo, se il Vaticano non fosse stato così vicino. Il giudizio più significativo su Veltroni-sindaco, però, arriva dall’amico fraterno (nonché testimone di nozze) Francesco De Gregori: “ha nascosto la spazzatura sotto il tappetino”.

Otto

Perché vuole dare mille euro ai lavoratori precari, dimenticando che a quella cifra non arrivano nemmeno molti che hanno il contratto a tempo indeterminato. Risultato, i precari non avranno mai mille euro al mese e rimarranno tali, cioè precari, per sempre.

Nove

Perché è uguale a Berlusconi, con la sola – sottilissima – differenza che uno fa il “fico” con i soldi suoi e l’altro no. Uno ha tv e giornali, l’altro fa piani regolatori graditi agli editori.

Dieci

Perché è buono e noi siamo un paese di mariuoli: dunque, come premier, abbiamo bisogno di un poco di buono.

Undici

Perché conosce il nome, il cognome e lo stato famigliare di oltre cento giornalisti, mentre di me non sa nemmeno che esisto. Ed un po’, come si dice a Roma, rosico.

Dodici

Perché se vince le elezioni, dopo deve fare il premier e non può – di conseguenza – fare il ministro della cultura. Se invece vince Berlusconi, fa le larghe intese e piazza Veltroni ad occuparsi di spettacoli, settore nel quale ha dimostrato di essere di gran lunga il migliore. E stavolta non è una presa in giro, ma una ferma convinzione.

2 comments for “I motivi per dire “no” a Walter

  1. 21 luglio 2014 at 17:25

    I think that you’d probably do well in a clnnuotisg role where you are helping companies who want to improve in the area of creating passionate users (products and websites). Your knowledge of the field is shown well by your blogging, and maybe getting out in front of people will give you more of a reason to stay passionate about this subject area (if not the blog itself)., Jenny Mccarthy Playboy, tfu, Maria Ozawa Sex Video, 604234, Tia Carrere Nude, 94668, Jennifer Aniston Porn, ygjs, Keira Knightley Nude, mavi, Rachel Mcadams Naked, 829928, Sunny Leone Nude, vouy, Kaley Cuoco Porn, (, Eve Torres Nude, 8-DDD, Lauren Graham Nude, 181851, Selena Gomez Nude, axqi, Kourtney Kardashian Naked, ngfcz, Sofia Vergara Naked, )),

  2. 6 luglio 2014 at 04:43

    Vedi Ale’, non e8 che si puf2 giudicare tutto solo in base ai prorpi orizzonti di interesse. Credo che le cose vadano valutate nel complesso.Certo Veltroni avrebbe potuto fare migliaia di km di piste ciclabili che hanno i loro costi sacrificando risorse a qualcos’altro, per esempio all’assistenza sociale, alle scuole eccetera.Che Roma non sia una citte0 rinomata per la sua pulizia non e8 una novite0, non lo era duemila anni fa figuriamoci oggi con una pressione antropica di milioni di abitanti.I problemi ambientali si dicono di “seconda approssimazione”, perche8 vengono dopo la soluzione di quelli primari, istruzione, casa, servizi pubblici. Evidentemente una grande citte0 (in italia per lo meno) fa pif9 fatica ad affrontare i secondari perche8 e8 gie0 tanto risolvere i basilari.:)PS: in realte0 Roma ha avuto anche un passato pif9 “arioso” nel medioevo, quando gli abitanti erano calati a non pif9 di qualche migliaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *