Basta con la casta dei cattivi maestri!

Nei giorni scorsi è apparso un appello, “Gaza vivrà”, rivolto al presidente Prodi contro Israele  “genocida”. E’ una petizione a favore del movimento fondamentalista palestinese di Hamas, contro Israele e di fatto  contro lo stesso Abu Mazen. La raccolta delle firme on line ha già mobilitato molti sostenitori dall’Italia e dall’estero. A pubblicizzare l’iniziativa, ci sono molti siti internet vicini alla lotta palestinese.  Come primi firmatari vediamo i nomi di Margherita Hack, Gianni Vattimo, Franco Cardini, Edoardo Sanguineti, Lucio Manisco, e numerosi altri.

Questo appello non è solo una petizione a favore dei palestinesi o una petizione per sostenere la creazione di uno stato palestinese a fianco di quello israeliano, qui si parla di mettere fine ad un embargo “genocida”.

Nell’appello Israele è paragonato ai nazisti, la sua politica a quella del Terzo Reich. E una sola parola può racchiudere tutto questo: “Genocidio!”, appunto.

Non dimentichiamo che Hamas predica la distruzione di Israele e rivendica il terrorismo come strumento per la propria azione politica. Ha trasformato Gaza in una rampa di lancio per offensive missilistiche, politiche e mediatiche contro Israele.

Ma per i nostri intellettuali, ( i nostalgici di Saddam, i sostenitori Di Castro e Chavez) tutto questo è del tutto indifferente.

Per contestare questi cattivi maestri e per smascherarli,  il quotidiano nazionale L’Opinione ha lanciato una sottoscrizione di un manifesto composto da una sola frase: basta con la casta dei cattivi maestri!

Il nostro giornale Cartalibera aderisce e sottoscrive questo manifesto dell’Opinione.

Share

2 comments for “Basta con la casta dei cattivi maestri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *