22 Settembre. Marcia per la tua pensione. Nuove generazioni tagliate fuori?

Per il prossimo Sabato 22 Settembre (e sarà il weekend che precede la stesura della legge finanziaria), Decidere.net promuove una manifestazione nazionale sulle pensioni, che si terrà a Roma.

L’aspetto inaccettabile della controriforma delle pensioni recentemente

annunciata (sotto dettatura della sinistra comunista e del sindacato) consiste, in primo luogo, nella direzione di marcia, obiettivamente opposta a quella seguita nei maggiori paesi occidentali. Ovunque, tenendo conto delle tendenze demografiche, l’età pensionabile sale, e le opinioni pubbliche di buon grado accettano un piccolo sacrificio in più. Al contrario, qui si è scelto di attaccare la parte più convincente della riforma pre-esistente, e di impiegare risorse pubbliche (con un costo di 10 miliardi di euro, praticamente una manovrina) per abbassare l’età pensionabile.

Peggio ancora, la gran parte del costo (3,6 miliardi: quindi quasi i due quinti

dell’operazione) graverà sulle spalle dei lavoratori flessibili, che subiranno

l’aumento dei propri contributi previdenziali fino al 26,5%. In sostanza, un giovane, ad esempio un 25enne, dovrà versare un quarto del suo stipendio in contributi per pagare la pensione ad un 58enne, il quale, com’è naturale, a quel punto, si cercherà comunque un lavoro in nero.

E sono proprio queste le conseguenze più negative dell’operazione: per un verso, il tentativo di disincentivare e ostacolare tutte le forme di lavoro flessibile, per un evidente pregiudizio ideologico; per altro verso, un potente incentivo all’allargamento dello spazio del lavoro sommerso.

Contro tutto questo, e per una riforma delle pensioni degna di un paese civile, è dunque convocata la manifestazione promossa da Decidere.net.

L’appuntamento è alle ore 16 in Piazza Fiume, a Roma, per una marcia che avrà come prima tappa la sede della CGIL in Corso Italia (non della CISL, che ha cercato quanto meno di contenere i danni della controriforma); il percorso si concluderà in Piazza del Pantheon dove si terrà una serie di interventi.

Un appello è rivolto a quanti hanno davvero a cuore le esigenze di

riforma, e a coloro -in particolare- che ritengono un errore gravissimo penalizzare, tagliar fuori le nuove generazioni, affinché facciano propri gli obiettivi della manifestazione e colgano questa occasione per parteciparvi, aderirvi, o addirittura copromuoverla.

Una saggia riforma previdenziale può essere invece l’occasione per un

nuovo patto, per una nuova alleanza tra padri e figli. E’ questo ciò a cui occorre

puntare.

Hanno fin qui aderito:

On. Daniele Capezzone

On. Benedetto della Vedova

Sen. Maurizio Sacconi

Sen. Marcello Dell’Utri

Partito Liberale Italiano

Istituto Bruno Leoni

Circoli del Buon Governo

E numerosi altri circoli, associazioni e i movimenti giovanili di Forza Italia, Socialisti italiani, Nuovo PSI, PRI, DC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *