Viacard 2

Vengo a sapere che la Società Autostrade – a seguito della mia denuncia di lunedì scorso relativa allo sfruttamento da parte dei suoi dirigenti delle donnine da me definite ‘lillipuziane’ obbligate a lavorare negli angusti spazi delle colonnine Viacard – è stata giustamente subissata di proteste telefoniche, postali e via mail. Fa piacere constatare quanto gli italiani siano ancora capaci di indignarsi venendo a conoscenza di consimili nefandezze.

Che la questione (incredibilmente, considerato che nessuno ne parlava pubblicamente) fosse già nota da tempo è confermato dalla seguente missiva che un illustre avvocato mio amico (persona fededegna!) mi ha fatto pervenire ieri:

“Nel 1995 ebbi la ventura di passare la barriera di Cavaria dell’Autolaghi al seguito di un corteo automobilistico di dolenti: un carissimo congiunto ci aveva lasciati e siccome l’ultima dimora della mia famiglia è a Legnano…

Ricordo perfettamente che quando passò il carro con il feretro la vocina dell’autostrada augurò il regolamentare ( allora ) “ Buon viaggio. Guidate con prudenza!“

Mi sembrò inopportuno perché il viaggio che aveva intrapreso il mio congiunto era certamente diverso da quello della BMW della pista quattro che ostentava due paia di sci ed anche in ragione del fatto che la prudenza di guida con cui i conducenti di carri funebri espletano le loro funzioni è universalmente riconosciuta e l’esortazione appariva del tutto superflua se non fuori luogo. Tramite un amico che vantava frequentazioni nel mondo della finanza feci pervenire in altissimo loco  richiesta volta ad ottenere – pagando, si intende – per altra e auspicabilmente lontanissima occasione la possibilità di messaggio tipo ‘requiem aeternam’ ovvero ‘riposa in pace’ o addirittura il delicatissimo ‘ci ritroveremo in cielo, avvocato’.

Mi fu eccepito che il contratto integrativo aziendale  escludeva si potessero chiedere ai dipendenti ‘prestazioni irrispettose della libertà  delle  convinzioni religiose individuali’.

Ma di quale contratto aziendale, di quali dipendenti mi stavano parlando?

Ecco come sono venuto a conoscenza del ‘segreto della barriera’”.

Che dire?

 

© Copyright 2004 Cartalibera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *