Partito unico no, federazione si

Caro Berlusconi,

la tua proposta di creare un partito unico del centro destra mi lascia decisamente contrario. Allo scopo di inattivare il potere di interdizione (o di ricatto) di partiti alleati non più affidabili, vuoi creare un unico partito nel quale la minoranza (Follini, Casini, Fini) faccia la minoranza oppure partecipi alle tue condizioni (politiche) alla maggioranza. Ma così non si risolve niente e si rischia solo di ricreare un’altra Democrazia Cristiana (o di fondare un nuovo Partito Popolare) nel quale il potere di interdizione passa dai singoli partiti alle singole correnti. In più, ogni associazione politica si fonda sempre, oltre che sui personaggi, anche sui programmi. Ma se il programma politico rimane quello della Casa delle Libertà delle ultime elezioni (pur con le doverose correzioni), a cosa serve un nuovo partito? Vuoi proporre un nuovo programma? E su basi politiche speri di poter far convivere dentro lo stesso partito la destra sociale di Alemanno con i liberali di Sterpa-Biondi-Costa e con i leghisti di Bossi (agli ex-dc basta offrire qualche poltrona di sottogoverno)? Meglio considerare la positiva esperienza di Catania e Bolzano dove il sindaco è stato eletto con il supporto di molte liste (anche personali e localistiche). Allora si deve creare una grande Federazione delle Libertà dove democraticamente si vota a maggioranza e non c’è bisogno di accontentare sempre tutti. Anche sull’altra lato della barricata (il centrosinistra) stanno affrontando lo stesso problema. E anche lì le identità politiche (molto diverse) non sono comprimibili in un partito unico. Per questo ti invito a rilanciare Forza Italia come partito-guida della Casa delle Libertà (o della nuova Federazione delle Libertà) affidando alla libera scelta delle assemblee locali la scelta di segretari e candidati. E soprattutto l’elaborazione politica che non può sempre essere sempre affidata alle intuizioni (spesso geniali) di un unico Grande Timoniere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *