Mese: maggio 2005

Le preoccupanti dimenticanze di Luca di Montezemolo

L’intervento del presidente Luca di Montezemolo all’ultima assemblea della Confindustria ha stupito non poco: ha criticato tutti tranne sé stesso. Certamente  le ragioni di questa  crisi economica sono diverse; esse hanno origini antiche, di natura strutturale, ma sono anche recenti…

Share

Dubbi sul partito unico

La rottura della Margherita e di Rutelli sulla proposta di Prodi della lista unica è un pò speculare a ciò che sta avvenendo anche nel centro-destra. Infatti anche all’interno della Casa della libertà, dopo l’iniziale entusiasmo per la proposta del…

Share

Cuba: appoggiamo le forze del dissenso

Finalmente la grande stampa italiana comincia ad accorgersi del sistema dittatoriale esistente a Cuba e delle continue  violazioni dei diritti umani (repressioni, arresti di dissidenti, fucilazioni, mancanza di libertà di stampa e di pensiero). In questi giorni, relativamente ad una …

Share

Aperitivo con Carlo Favero

Caro Amico/ Cara amica, Ti ricordiamol’invito al prossimo aperitivo di “Cartalibera”: lunedi’ 6 giugno 2005, ore 19, Grand Hotel Verdi, Via Melchiorre Gioia 6, Milano. L’incontro si aprirà con una breve relazione del Prof. Carlo Favero (IGIER – Università Bocconi)…

Share

Chiedeteci tutto, ma non di lavorare

La colpa è sempre di qualcun altro. Se c’è la crisi è colpa del petrolio, dell’euro, del terrorismo. Almeno il “nemico comune” unisce, anche se invece di un esercito c’è un concetto astratto. Ma non proviamo a  dire che è…

Share

Europa: il referendum inutile

Si o no alla Costituzione Europea? Il referendum francese costringe a semplificazioni, e a scelte di campo, paradossali e pericolose, senza per questo portare ad un chiarimento del dibattito sul complesso tema della unificazione europea. C’è un solo cittadino, in…

Share

Soldi e potere: una nuova “razza padrona” ?

In queste ultime settimane, oltre la battaglia furibonda per le OPA sulle banche, è in corso anche una guerra “mediatica”  tra i cosiddetti “salotti buoni” del capitalismo italiano e i costruttori-immobiliaristi (Ricucci, Coppola, Caltagirone, ecc.). Si vedano le polemiche de…

Share

IRAP: il tributo più detestato

L’IRAP è l’imposta regionale sulle attività produttive. Sono assoggettati al tributo tutti coloro che svolgono un’attività commerciale organizzata in forma d’impresa e un’attività di lavoro autonomo sia in forma individuale che associata. E’ stata introdotta nel 1998 da Prodi-Visco e, …

Share