Mese: febbraio 2005

Giorgio Bocca: un cattivo maestro

L’articolo di Giorgio Bocca apparso sull’ultimo numero del settimanale L’Espresso ha dell’incredibile, delirante, qualcuno ha detto demenziale. In netto contrasto polemico con la relazione dell’On.Fassino fatta all’ultimo congresso dei DS, scrive: “Dire che i veri resistenti iracheni sono quelli che…

Share

Fiat – GM: trionfalismo eccessivo

Dopo i precedenti articolo sul caso Fiat apparsi su Cartalibera, siamo costretti a tornare sull’argomento. Il recente  divorzio tra Fiat e General Motors è stato giudicato da tutti molto positivo, dal governo, dalle forze politiche e sindacali,  dalle banche.  A…

Share

La Turchia nell’Unione Europea

Leggendo i dati del nostro ultimo sondaggio, la maggioranza dei lettori di Cartalibera (46%) preferirebbe lasciare definitivamente la Turchia fuori dalla Comunità Europea, mentre una percentuale più esigua (34%) sarebbe favorevole, ma “a rigide condizioni”. Il fronte del no prevale…

Share

Giustizia: qualcosa non funziona

Da qualche tempo a questa parte certe sentenze giudiziarie stupiscono non poco. Noi siamo sempre stati liberali e garantisti e abbiamo sempre contrastato atteggiamenti e comportamenti giustizialisti e forcaioli, tanto per intenderci alla Di Pietro, abbiamo sempre stigmatizzato anche una…

Share

Aperitivo con Egidio Sterpa

Caro amico/Cara amica, Ti ricordiamo l’invito al prossimo appuntamento degli “Aperitivi di Cartalibera”: lunedì 7 marzo 2005, ore 19, Una Hotel Scandinavia, Via Fauché 15, Milano Se non l’hai già fatto, Ti saremo grati se confermerai la Tua presenza e…

Share

La Cina è lontana, ma anche troppo vicina

La popolare trasmissione radiofonica “Zapping”, in collaborazione con l’Unicef ed altre associazioni internazionali, da alcune settimane, sta raccogliendo firme ed adesioni per sottolineare e denunciare il fatto che la Cina  – ribaltando il titolo di un vecchio film di Bellocchio…

Share

Formigoni “annega” nel petrolio

Il governatore lombardo Roberto Formigoni è stato investito dallo scandalo “Oil for food”. Il programma delle Nazioni Unite così denominato consentiva all’IRAQ di vendere limitate quantità di petrolio, durante il lungo periodo di embargo internazionale stabilito a seguito dell’invasione irachena del…

Share