Caso Violante: caro Alfredo Biondi ti sbagli

A proposito della candidatura dell’On. Violante a nuovo giudice della Corte Costituzionale, il liberale On. Biondi si è dichiarato favorevole: “Certo, io Volante lo voterei” ha dichiarato.

Dispiace, ma non siamo assolutamente d’accordo.

E’ giusto essere garantisti, come deve essere sempre un liberale, ma non ingenui masochisti.

Nessuno mette in dubbio le capacità tecnico-professionali e le capacità di lavoro dell’On. Violante, ma nel contempo non possiamo dimenticare che i liberali  (anche al tempo del vecchio PLI) l’hanno sempre considerato il capo indiscusso delle “toghe rosse”.

Non dimentichiamo che negli anni ’70 l’On. Violante  aveva teorizzato la conquista del potere da parte del PCI tramite la via giudiziaria (e i risultati, in questi anni, purtroppo si sono visti).

Non dimentichiamo la negativa e proccupante esperienza della sua presidenza della Commissione Anti-Mafia agli inizi degli anni ’90 e i relativi processi di Palermo.

La sua storia , i suoi legami strettissimi con le correnti più di sinistra della magistratura, le sue posizioni politiche faziose e manichee come Capogruppo DS alla Camera dei deputati, non garantiscono sicuramente serenità ed equilibrio di giudizio nell’eventuale nuova veste di giudice costituzionale.

Infine non dimentichiamo che Violante, negli anni ’70, aveva arrestato e messo in galera Edgardo Sogno con motivazioni assurde.   

Per questi motivi siamo contrarissimi all’ipotesi Violante per la Consulta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *