La svolta di Montezemolo: andrà fino in fondo?

Il Presidente della Confindustria Luca Montezemolo al recente convegno dei giovani imprenditori svoltosi a Capri,  ha  parlato della necessità urgente di una  riforma delle professioni, di liberalizzazione dei servizi pubblici locali, controllati dai Comuni, di liberalizzazione del sistema bancario.

Ha inoltre sottolineato, in linea con il Presidente dell’Antitrust Tesauro, che società ex-monopoliste, ora privatizzate, continuano a occupare sul mercato posizioni dominanti. Quindi ha lanciato una vera  campagna per la concorrenza.; via i vincoli al mercato, ma più competitività.

Noi che sosteniamo queste tesi da molti anni (sono nel nostro Dna liberale) non possiamo che essere soddisfatti.

Noi  abbiamo spesso criticato il governo in carica  perché, per la sua natura politica, avrebbe dovuto fare di più nel settore delle liberalizzazioni e della riforma delle professioni, ed invece si è lasciato impantanare in defatiganti mediazioni sia all’interno della coalizione che con l’opposizione.

Moti commentatori politici ora si sono domandati e si domandano: il Presidente Montezemolo avrà il coraggio di portare avanti la svolta di Capri fino in fondo?

Avrà il coraggio di dire  chiaramente ai suoi associati: basta ai contributi statali a fondo perduto; basta assistenzialismo; basta accordi o cartelli, ma più competizione tra le industrie?

Avrà il coraggio di dire : basta alle continue richieste dei suoi associati  per conferimenti statali oppure basta alle attività esercitate in regime di monopolio? E le tariffe?

Non dimentichiamo che il Garante della concorrenza e l’Authority per l’energia, in più occasioni, hanno puntato l’indice accusatore su gruppi industriali come Enel, Eni, Telecom Italia, Autostrade.

Nel contempo non dimentichiamo che  tra i membri autorevoli della Giunta esecutiva di Confindustria o tra i grandi elettori di Montezemolo, ci sono Tronchetti Provera, Scaroni, Mincato.

Avrà il coraggio di portare avanti queste tesi liberali, senza compromessi  o papocchi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *