Mese: luglio 2004

Un graffio a… Berlusconi

Pare che il Governo sia intenzionato ad andare avanti nell’aumentare del 700% le tasse sui mutui per l’acquisto della seconda casa. E’ di fatto, anche se indirettamente, una tassa patrimoniale, che colpisce la casa, il bene rifugio preferito dagli italiani.…

Share

Penati, esordio penoso

Si narra che, alla notizia della morte di Nerone, il popolo romano si sia gettato nelle strade a festeggiare con gran caciara la liberazione dal tiranno. Un vecchietto invece se ne stava composto e perplesso, seduto sulla porta di casa,…

Share

La storia recente del PLI

E’ uscito, per i tipi dell’editore Rubettino, un saggio di Giovanni Orsina, direttore scientifico della Fondazione Einaudi presieduta da Valerio Zanone. Vuol essere una sintesi della storia del Partito Liberale nell’Italia repubblicana. Al volume è allegato un DVD-Rom realizzato per…

Share

Siniscalco: cominciamo male

Il Nuovo Ministro del Tesoro, Domenico Siniscalco, esordisce con un aumento delle tasse. Stime più accurate indicano il deficit tendenziale sul PIL per il 2005 nella misura del 4,4%, ben oltre la soglia di Mastricht del 3%. Le alchimie finanziarie…

Share

Un graffio a … Mario Dutto

Il dirigente scolastico regionale Mario Dutto comunica che 400 minorenni figli di islamici integralisti residenti a Milano frequentano un istituto fantasma in via Quaranta a Milano, al di fuori di ogni regola. I genitori si rifiutano di farli studiare nelle…

Share

Un graffio a… Montezemolo

I milionari che devono le loro fortune alle buone frequentazioni, senza essersi mai sporcati le mani con il lavoro (almeno inteso nella comune accezione del termine) non ci sono mai stati simpatici. Quando inneggiano al corporativismo, dietro cui si nasconde…

Share

Declassamento S&P: non minimizziamo

Dopo gli errori e abbagli presi recentemente dalle varie società internazionali di “rating” nei casi delle obbligazioni Argentina, Cirio e Parmalat, ora non dobbiamo stracciarci le vesti per il declassamento effettuato da Standard & Poor’s sui conti pubblici italiani. D’altra…

Share